Il 18 novembre scorso i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 50enne della provincia di Latina emessa dal GIP presso il Tribunale di Latina.
Il precedente 10 novembre, l’uomo si è reso responsabile di violenza sessuale in danno di una familiare di 48 anni, anch’essa residente nella provincia di Latina. Attirata con un inganno presso l’abitazione del parente, è stata costretta a subire la violenza, anche sotto la minaccia di un fucile. Approfittando di un attimo di distrazione da parte del suo aggressore, la malcapitata è riuscita a scappare e chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Dopo aver ricostruito i fatti e raccolte tutte le prove, i carabinieri hanno denunciato l’uomo alla Procura della Repubblica di Latina. Per il grave quadro indiziario, l’autorità giudiziaria ha richiesto la più grave misura cautelare della custodia in carcere, accordata dal G.I.P. di quel tribunale.