Esclusi solo gli innaffiamenti dei giardini, piante e parchi pubblici, aree cimiteriali e i servizi pubblici di igiene urbana

Il Sindaco Valentino Mantini – Cisterna di Latina

Il Sindaco di Cisterna, Valentino Mantini, ha firmato l’ordinanza, con effetto immediato, contro lo spreco di acqua potabile.

Visto il Decreto del Presidente della Regione Lazio del 22 giugno scorso, è stato dichiarato lo “stato di calamità naturale” a causa della grave crisi idrica dovuta alla prolungata assenza di piogge, e considerata la nota dell’Ente di Governo Ambito Territoriale Ottimale n. 4 Lazio Meridionale–Latina, EGATO 4 su un “uso consapevole della risorsa idrica destinata al consumo umano”.

E’ stata quindi considerata l’importanza di realizzare un’azione di previsione e prevenzione finalizzata a scongiurare restrizioni all’erogazione del servizio idrico, ed il sindaco di Cisterna ha disposto su tutto il territorio comunale fino al 30 novembre prossimo, l’assoluto divieto di utilizzo dell’acqua potabile proveniente dalla rete di distribuzione comunale per gli usi diversi da quello stabilito nel contratto di fornitura. Si è intesa dunque:

“l’irrigazione e l’ innaffiatura di orti, giardini, prati e campi sportivi privati, vasi e altre superfici a verde; per il riempimento di ogni tipo di piscina mobile o da giardino, fontane e vasche; per il lavaggio di automobili, cicli, motocicli, eccetto gli impianti autorizzati; per il lavaggio di corti, piazzali e strade”.

Vietato anche il prelievo di acqua da fontane pubbliche per usi non diretti e immediati, per riempire cisterne o botti, per rifornire locali privati mediante l’utilizzo di tubi di gomma e/o altro; come pure è vietato ogni altro utilizzo improprio della risorsa, diverso da quello alimentare, domestico, per l’igiene personale e per uso medicale.

Sono esclusi gli innaffiamenti, che comunque devono essere eseguiti, dei giardini, delle piante e dei parchi ad uso pubblico e le aree cimiteriali, nonché i servizi pubblici di igiene urbana. 

Il testo integrale dell’Ordinanza è consultabile all’Albo Pretorio on-line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.