È terminata con una denuncia per truffa aggravata, perpetrata ai danni di un’ottantenne di Cisterna di Latina, l’indagine condotta dalla Polizia Locale.I fatti risalgono a circa un anno fa quando l’anziano veniva avvicinato da un uomo a bordo di un’autovettura che riferiva di dover consegnare un pacchetto al figlio dell’inconsapevole vittima del raggiro a fronte della somma di 500,00 euro.

Dopo una breve titubanza, l’anziano consegnava la somma allo sconosciuto che, una volta lasciato il pacchetto, si allontanava. Consegnata la confezione al figlio, rinvenivano all’interno alcuni oggetti di scarso valore. Compreso che si trattava di una truffa, padre e figlio sporgevano querela presso il Comando della Polizia Locale.Grazie all’ausilio del sistema di videosorveglianza urbana, gli uomini del Comando di Corso della Repubblica, riuscivano a determinare il momento esatto della truffa, individuando il veicolo, una Citroen C3, e il volto dell’uomo. Venivano attivati quindi i necessari accertamenti per risalire alle sue generalità partendo dalla targa del veicolo che risultava intestato a un autonoleggiatore di Milano.Emergeva che quest’ultimo a sua volta aveva noleggiato l’auto a un autonoleggiatore di Napoli che poi aveva affidato il veicolo a un quarantacinquenne residente a Napoli.Avvalendosi della collaborazione della Polizia Locale di Milano e quella di Napoli, sono stati compiuti degli accertamenti sulle due attività facendo emergere irregolarità amministrative circa le opportune garanzie per l’identificazione compiuta dei reali utilizzatori dei veicoli noleggiati.


Questo tipo di reati predatori risulta particolarmente odioso proprio perché mina la buona fede delle persone, facendo leva sul loro vissuto, sui propri affetti e sul senso di comunità che è proprio di piccoli centri. A Cisterna di Latina è massima l’attenzione delle forze di polizia per scongiurare tali eventi, ma qualcosa riesce comunque a sfuggire. Si invita, pertanto, a segnalare prontamente situazioni di dubbia legalità così da poter intervenire per evitarle e identificarne i responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.