«Le festività pasquali» sono un momento davvero importante per gli ebrei e i cristiani. I diversi significati di queste festività, delle loro tradizioni con relativi simboli e celebrazioni saranno discussi in un convegno previsto per il prossimo 23 nisan 5782 / 24 aprile 2022, alle ore 17, presso la Curia Vescovile di Latina (ingresso da piazza Paolo VI).

Gli interventi introduttivi sono affidati al dott. Guido Coen, Consigliere dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (Ucei) delegato al dialogo interreligioso, e a mons. Mariano Crociata, Vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno.

Attesi i contributi dei due relatori: la professoressa Anna Foa, dell’Università Sapienza di Roma, e Don Giuseppe Pulcinelli, professore presso la Pontificia Università Lateranense.

L’incontro è moderato dal prof. Andrea Monda, direttore responsabile de L’Osservatore Romano.

Diverse le prospettive che porteranno i due relatori in questo incontro di dialogo ebraico-cristiano. 

La professoressa Anna Foa, anticipando il suo intervento, ricorda che «la Pasqua ebraica, Pesah, e quella cristiana ricordano e celebrano storie diverse fra loro, l’uscita dall’Egitto e la liberazione dalla schiavitù quella ebraica, la Resurrezione di Cristo quella cristiana. Il mio intervento svilupperà il tema della celebrazione ebraica, della centralità del Seder di Pesah e dell’Haggadah che viene letta durante la cena, soffermandomi sulle sue modalità, sui suoi significati simbolici e non ultimo sulla sua storia, fin dalle sue più antiche celebrazioni, sulle trasformazioni e sulle diverse interpretazioni subite nei secoli e nelle diversità delle usanze e delle ritualità, fino all’oggi».

Invece, Don Giuseppe Pulcinelli spiegherà una fase importante: «Dal Nuovo Testamento emerge che la prima comunità formata dai discepoli di Gesù, alla luce dei fatti del terzo giorno, e rileggendo le Scritture in questa luce, inizia a elaborare ciò che ritiene essere un compimento del significato originario della Pasqua ebraica: Gesù ha compiuto l’esodo dalla prigionia alla libertà, dalla morte alla vita, il messia crocifisso è stato risuscitato, ed è vivo e operante in mezzo al suo popolo. Rimane il riferimento alla festa ebraica della Pasqua, ma i credenti in Gesù–messia le danno un significato ulteriore, che ha al centro l’evento Cristo (prefigurato nell’ultima cena e celebrato nell’eucaristia), il passaggio (lo ricorda l’etimologia di Pesah) dalla morte alla vita, come è illustrato dalla morte e risurrezione di Gesù, un passaggio che si compie anche per ogni credente in lui».

Durante il convegno è previsto un momento musicale curato da Maurizio Di Veroli, della Comunità Ebraica di Roma, direttore del gruppo musicale Progetto DAVKA, il quale per l’occasione eseguirà in versione solo vocale alcuni canti della festa di Pesach, tema della giornata.

La manifestazione ha il patrocinio della Conferenza Episcopale Laziale, della Diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno e dell’Istituto Teologico “Leoniano” di Anagni.

Per accedere in presenza è necessario indossare la mascherina FFP2. L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming dal canale YouTube della diocesi di Latina, accessibile anche dal sito diocesi.latina.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.