LA eventi

Giornata dell’albero, Ami: un dono della natura e strumento contro i cambiamenti clima

Ieri si è celebrata in tutta Italia la Giornata nazionale dell’albero. Un momento di riflessione sul ruolo di primaria importanza che riveste il capitale naturale: boschi e foreste, ma anche le infrastrutture verdi sul territorio.  

“L’albero non è solo un dono della natura, è anche lo strumento che la natura ci ha messo a disposizione per intervenire sui cambiamenti climatici, sulla nostra salute e sulla qualità della nostra vita – dichiara Alessandro Botti, presidente di Ambiente Mare Italia – Ami- Per questo, in occasione della Giornata Nazionale dell’albero, Ami invita a riflettere sull’importanza che gli alberi hanno per l’ambiente che ci circonda e per una migliore qualità della vita”.

Le foreste sono uno scrigno di biodiversità, ospitando l’80% delle specie animali e floreali terrestri e sono necessarie per mitigare l’effetto serra e cambiamenti climatici e contrastare l’innalzamento della temperatura globale. Ecco perché è necessario promuovere politiche di riduzione degli effetti nocivi delle emissioni, di protezione del suolo e incentivazione di spazi verdi nelle nostre città. Un messaggio che è arrivato forte e chiaro anche dalla Cop 26 di Glasgow, in cui non è stato raggiunto nessun accordo decisivo sui cambiamenti climatici, ma almeno un impegno concreto dei Governi per porre fine alla deforestazione entro il 2030. Una pratica che ha provocato un allarme a livello mondiale.

Circa il 30% delle terre emerse del Pianeta è coperto da boschi per un’estensione totale di quasi 4 miliardi di ettari. Fonti Fao avvertono però come ogni anno si perdono mediamente boschi e foreste per 5.2 milioni di ettari l’anno e come, solo nel 2019, se ne siano persi ben 26 milioni di ettari.

In Italia la situazione è più ‘green’. Dal 2015 al 2020 la copertura forestale è aumentata di quasi un punto percentuale, dal 30.8 al 31.7%, più che in qualsiasi altro Paese in Europa e al di sopra di nazioni a tradizionale vocazione boschiva come la Germania e la Svizzera.

Il problema è che secondo i dati dell’European Forest Fire Information System (Effis), pubblicati nel mese di agosto, dall’inizio dell’anno nella nostra Penisola sono bruciati 102.933 ettari di terreno, un’area grande quanto 140mila campi da calcio. La situazione, dal mese di agosto, è andata peggiorando a causa dei continui incendi che hanno colpito la penisola ed in particolare il sud Italia. Incendi che causano non solo una perdita di biodiversità genetica, ma  contribuiscono a immettere nell’atmosfera quantità enormi di anidride carbonica e altri gas serra.

La città di Reggio Calabria “risente ancora degli incendi che nel mese di agosto hanno devastato e raso al suolo vaste aree della nostra Regione” dichiara Francesca Rogolino, referente della delegazione territoriale di Ambiente Mare Italia – Ami Reggio Calabria.

Anche a Pescara “gli incendi di agosto hanno devastato il sud della città-  dichiara Valter Seca, referente della delegazione territoriale di Ami Pescara – E si contano ancora i danni. Il polmone verde della nostra città, la Pineta dannunziana, è stato raso al suolo”.

Francesca Lazzeri, referente territoriale di Ami Ladispoli Cerveteri, ricorda come “la città di Ladispoli non ha dimenticato gli incendi dolosi dell’estate 2017, incendi che hanno devastato il bosco di Palo e la macchia mediterranea a nord della città”.

Sempre nel Lazio, precisamente a Civitavecchia “la scorsa estate ha perso una grande fetta di verde: più di 200 ettari tra pini marittimi e macchia mediterranea” fa sapere Ivana Puleo, referente della delegazione di Ambiente Mare Italia di Civitavecchia-Tarquinia.

Secondo il Rapporto 2021 sulla qualità dell’aria dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea), nel 2019 il nostro Paese era il primo per numero di morti per biossido di azoto, circa 10.640 nel 2019, ed è il secondo dopo la Germania per i rischi da particolato fine PM 2.5, 49.900 morti.

“Le foreste urbane e periurbane sono la soluzione per il contrasto dell’inquinamento da biossido di azoto e permettono un netto miglioramento della qualità della vita dei cittadini.

Nel mese di luglio, la città di Firenze ha raggiunto i più alti livelli di smog, registrando 37 microgrammi di biossido di azoto al metro cubo. Dopo Firenze, in Italia si trovavano Genova con 32, Torino con 28 e Cagliari con 27.

“Una politica coerente e non occasionale di forestazione permette l’incremento della biodiversità all’interno delle nostre città e un incremento del benessere psico-fisico degli abitanti” conclude Botti.

“Le infrastrutture verdi– dichiara Ilaria Falconi, responsabile per Ambiente Mare Italia dell’Area Tutela del suolo e agricoltura biologica- dovrebbero essere realizzate in modo da divenire delle reti naturali, strutturali e funzionali in grado di migliorare la resilienza, le condizioni microclimatiche e la qualità dell’aria della città; di permettere la ritenzione e il riciclo della risorsa idrica; di garantire la mitigazione e l’adattamento al rischio idrogeologico e climatico”.

Per questo Ambiente Mare Italia – Ami in occasione della giornata dell’albero, promuove, accanto alla messa a dimora di nuovi alberi, una progettazione delle infrastrutture verdi in base alle caratteristiche del sito oggetto dell’intervento, al fine di massimizzare i servizi ecosistemici in un’ottica di multifunzionalità̀ e di benefici per la salute dei cittadini e del nostro Pianeta.

Il nostro territorio “ha bisogno di protezione e sicurezza dai fenomeni dovuti al dissesto idrogeologico. – interviene Andrea Izzi, referente della delegazione di Ambiente Mare Italia – Ami Sud Pontino – Abbiamo purtroppo verificato più volte come la deforestazione dovuta per lo più agli incendi estivi causa frane e fiumi di fango alle prime consistenti piogge. L’ultimo esempio, nella nostra zona, lo abbiamo visto 15 giorni fa, quando per le intense piogge parte della cittadina di Itri è stata invasa da fiumi di fango nero per la frana di una montagna completamente bruciata quest’estate, con case evacuate e strade rese inagibili”.

Qualcosa però si muove. A Taranto, per esempio, c’è un piano del Comune che prevede di rinverdire, di almeno due ettari, la città.

Taranto “è nota alla cronaca soprattutto per i livelli di diossina nell’aria e per un numero crescente di tumori infantili. Ma in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero – commenta Monia Napolitano, referente della delegazione di Ambiente Mare Italia – AMI Taranto – ci piace ricordare Taranto per il progetto di “Green Belt”,  un esempio virtuoso di infrastruttura verde che ogni città dovrebbe prevedere di realizzare al fine di contrastare l’inquinamento urbano e migliorare la qualità di vita dei cittadini”.

A Firenze la Giunta ha approvato, su proposta dell’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re, il nuovo pacchetto ‘verde’ da 4.9 milioni di euro che prevede la piantumazione dei 2 mila nuovi alberi lungo le strade e nei quartieri.

“Siamo certi che Firenze sia in grado di superare i problemi di inquinamento atmosferico, ma bisogna agire ora– commenta Donato Nitti, referente della delegazione di Ambiente Mare Italia – Ami Firenze–. L’istituzione di un’assemblea cittadina permanente sul clima è un primo passo, come anche l’adozione del primo Piano del verde della città di Firenze, con una mappatura delle isole di calore presenti in città”.











To Top