Latina

Occupazioni di suolo pubblico per manifestazioni politiche, culturali e sportive: il quadro normativo di riferimento

Al fine di chiarire qualsiasi dubbio interpretativo, si ricostruisce il quadro normativo fornendo i necessari chiarimenti sull’argomento che, proprio in questi giorni, sta suscitando un crescente interesse.

Il Decreto Legislativo n. 507/1993, istitutivo dei tributi TOSAP, ICP ed Affissioni, oggi abrogato nel capo I° e II° dalla Legge 160/2019, non prevedeva alcuna esenzione per le occupazioni a carattere politico.

Detta esenzione, è stata introdotta successivamente dalla Legge 549/1995, art. 3, c. 67, che prevedeva:

“Sono esonerati dall’obbligo al pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche coloro i quali promuovono manifestazioni od iniziative a carattere politico, purché l’area occupata non ecceda i 10 metri quadrati”.

“((Le richieste devono pervenire almeno dieci giorni prima della data prevista per lo svolgimento della manifestazione o dell’iniziativa, salvo che i regolamenti comunali dispongano termini più brevi))”.

Il Regolamento Comunale del Comune di Latina sull’applicazione della Tassa non è mai stato emendato in tal senso. A tal proposito è persino intervenuta la Corte di Cassazione, con sentenza n.13046 del 24/11/1999, precisando che alcune attività politiche, quali ad esempio la raccolta firme, non potevano essere incluse in detta agevolazione tributaria.

Con l’abrogazione della TOSAP e l’introduzione del Canone Unico Patrimoniale, il legislatore stesso non ha previsto nella Legge 160/2019 detta esenzione, ma all’art. 1, c. 832, ha disposto:

“Gli enti possono prevedere riduzioni per le occupazioni e le diffusioni di messaggi pubblicitari:

  1. eccedenti i mille metri quadrati;
  2. effettuate in occasione di manifestazioni politiche, culturali e sportive, qualora l’occupazione o la diffusione del messaggio pubblicitario sia effettuata per fini non economici. Nel caso in cui le fattispecie di cui alla presente lettera siano realizzate con il patrocinio dell’ente, quest’ultimo può prevedere la riduzione o l’esenzione dal canone”.

Il Regolamento Comunale approvato dal Comune di Latina prevede, ai sensi del summenzionato c. 832, anziché una esenzione per determinate tipologie, con un limite di metratura pari a mq 10, prevede l’applicazione di una tariffa ridotta dell’80% per tutte le occupazioni di manifestazioni politiche, senza limiti di metratura. (Art. 32 comma 1 lettera b).











To Top