agricoltura

ASSEMBLEA CONFAGRICOLTURA LATINA

CRESCITA COSTANTE DI ISCRITTI ANCHE NEL 2020:

“CONTINUIAMO A GARANTIRE SERVIZI DI LIVELLO

AL COMPARTO AGRICOLO”

Il presidente Luigi Niccolini durante la 65esima assemblea: aumentano i livelli di rappresentatività

anche grazie al nuovo corso della Camera di commercio di Frosinone e Latina

Una crescita costante anche nel 2020 che ha portato ad un aumento dei soci di dieci punti percentuali con una rappresentatività estremamente alta in termini di giornate delegate – quasi 600mila – che vanno a sommarsi agli oltre 13mila ettari rappresentati dalle imprese associate. Questi i numeri più importanti di Confagricoltura Latina che ha celebrato nei giorni scorsi la sua 65esima assemblea in uno spazio messo a disposizione dall’agriturismo La Valle dell’Usignolo.

Un’occasione per fare il punto relativo al 2020, un anno ovviamente particolare che ha messo a dura prova anche il mondo agricolo che ha comunque continuato a garantire livelli di produttività altissimi, e per rilanciare sui grandi temi che interessano il territorio pontino.

“Confagricoltura Latina – ha affermato il presidente Luigi Niccolini – è una realtà importantissima del territorio pontino ormai da decenni ed è un punto di riferimento per il comparto agricolo che si rafforza ogni anno che passa. I numeri del 2020, in piena pandemia, confermano una crescita costante che supera i dieci punti percentuali e che ci dice che, anche in questo periodo di grandi difficoltà, i nostri uffici hanno continuato ad offrire alle imprese agricole una assistenza qualificata e che ha saputo dare risposte immediate. Ottimo – ha aggiunto Niccolini – il dato relativo al sindacato pensionati che ormai conta migliaia di iscritti. Tutto questo – ha spiegato ancora il presidente – è frutto del lavoro di tutti e della guida del direttore Mauro D’Arcangeli che da anni è al timone di uffici che ormai offrono prestazioni di livello su tutto il territorio pontino”.

Niccolini, nel suo intervento, ha parlato del rinnovato impegno della sua figura anche nella veste di presidente della nuova Azienda speciale della Camera di commercio di Frosinone e Latina “si è trattato – ha spiegato il presidente – di un riconoscimento dato alla nostra associazione e di cui dobbiamo essere fieri e che, questo è fondamentale, dobbiamo essere in grado di sfruttare proprio per il bene di questo territorio e per rilanciare il tema della valorizzazione dei prodotti e del settore agroalimentare anche sul fronte turistico”. Se il tema della Pac – la politica agricola comune dell’Unione Europea – resta di straordinaria importanza per l’organizzazione agricola, è fondamentale l’impegno nell’ambito dei vari settori del comparto, come ad esempio il kiwi che sta anni sta vivendo il problema della moria “che – ha aggiunto Niccolini – merita un intervento immediato sul fronte scientifico che chiediamo da tempo e su cui continueremo a prendere posizione anche con iniziative ancora più concrete”. Niccolini, nella sua relazione, ha poi fatto riferimento a tutti gli altri settori come ad esempio il florovivaismo, quelli legati alle produzioni orticole, vitivinicole, di cereali, allevamenti e altro. “Con la firma del nuovo contratto di lavoro del comparto agricolo – ha concluso il presidente – abbiamo poi rinnovato il nostro impegno sul un fronte delicato come quello dell’inclusione sociale che ci vede impegnati anche tramite il progetto Laborat. Insomma abbiamo molte sfide da affrontare ma abbiamo gettato ottime basi e siamo forti di anni e anni di esperienza e di migliaia di iscritti con livelli di rappresentatività che aumentano ogni anno che passa”.

Alle parole di Niccolini hanno fatto eco quelle del direttore Mauro D’Arcangeli  che ha ribadito gli elementi essenziali del nuovo Patto per l’agricoltura pontina, il contratto sottoscritto dalle organizzazioni agricole e sindacali e che “oggi più che mai assume un significato fondamentale nell’ambito della riorganizzazione del comparto agricolo anche per le sfide che, come ha giustamente sottolineato il presidente, ci troviamo ad affrontare ogni giorno sui temi dell’inclusione sociale e del caporalato anche grazie al progetto Laborat”, ha concluso D’Arcangeli che è anche alla guida del Fislas di Latina.

Tra gli interventi anche quello del presidente regionale di Confagricoltura Lazio, Alessio Trani, quello del responsabile dell’Area economica e del centro studi di Confagricoltura, Vincenzo Lennucci e l’intervento di Cristina Tinelli, responsabile dell’ufficio di Bruxelles di Confagricoltura.

Confagricoltura Latina rappresenta oggi aziende del comparto agricolo per un totale di 13mila ettari associati e che producono un livello di giornate di lavoro delegate che si aggira intorno a quota 600mila con oltre 1600 soci. Confagricolturra Latina offre servizi, oltre che presso l’ufficio di Via Don Minzoni a Latina, anche negli uffici di zona di Sermoneta, Borgo Hermada, Fondi e Formia e tramite i recapiti di Borgo Montello, Roccagorga, Pontinia, Doganella e Latina 2.











To Top