LA salute

Covid. Rizzo Nervo (PD) ribalta tesi Zaia: Ema garanzia per vaccino

“Il vaccino e’ lo strumento per uscire da questo incubo collettivo che condiziona le vite di tutti” e “si e’ fatta una scelta corretta, politicamente significativa, con la tempestivita’ di costruire un’alleanza per i vaccini con un impegno comunitario”. E “da quella dimensione, quella europea, nello specifico dell’Ema, l’Agenzia europea per i farmaci, attendiamo ora l’autorizzazione di questi diversi vaccini”.
Pertanto “dispiace aver sentito oggi il presidente Zaia, a cui si e’ associato poco fa il collega Sgarbi, che ha detto, sostanzialmente, che il fatto che siamo in Europa ci fa arrivare tardi rispetto alla Gran Bretagna”. Lo ha detto, dopo le comunicazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza, il deputato del Pd Luca Rizzo Nervo. Che ‘ribalta’ quindi la tesi del governatore del Veneto secondo il quale dopo l’ok della Fd  in Usa e della Gran Bretagna che l’Europa faccia un suo percorso sul vaccino la fa arrivare ‘buona ultima’ e non le fa fare una bella figura.
“In realta’, l’esserci affidati ancora una volta all’Europa, alla sua Agenzia indipendente, ci fara’ arrivare bene- assicura Rizzo Nervo parlando alla Camera- ci fara’ arrivare con le garanzie di un’Agenzia indipendente, con dati ed evidenze disponibili sui diversi vaccini e sulle diverse tecnologie perche’ e’ giusto ricordare che non stiamo solo parlando di vaccini di case farmaceutiche differenti, ma di vaccini con tecnologie diverse l’uno dall’altro ed e’ scelta corretta che l’Italia partecipi, con una quota significativa, all’approvvigionamento e alla fornitura di tutti i diversi vaccini”. 
 Per il deputato dem “altrettanto necessario sara’, pero’, rendere espliciti, al termine del processo autorizzativo, gli elementi di sicurezza di questi vaccini, con un discorso pubblico trasparente, con evidenze comprensibili e con la chiarezza dei meccanismi di scelta su quali vaccini somministrare e a chi. Ognuno deve sapere cosa sta prendendo e perche’ quello e non un altro vaccino”.PD Veneto: Su vaccino fa fede quello che decide l’Ema“In attesa dell’ok organizziamoci e sensibilizziamo i cittadini”  Venezia – “Per noi fa fede quello che decidera’ l’Ema, speriamo che proceda nel piu’ breve tempo possibile ma anche che si prenda il tempo necessario a garantire che i vaccini siano sicuri. E nel frattempo e’ fondamentale organizzarsi, perche’ il vaccino potrebbe anche essere approvato domani, ma se non siamo pronti a distribuirlo e a fare una campagna vaccinale…”. Lo afferma, parlando alla ‘Dire’, il capogruppo del Partito democratico in Consiglio regionale veneto Giacomo Possamai, commentando le affermazioni del presidente della Regione Luca Zaia, che oggi ha sottolineato che l’Unione europea rischia di arrivare ultima nell’approvazione dei vaccini.
Una volta arrivata l’approvazione, “spero che i veneti abbiano un senso di responsabilita’ e che si vaccinino per se’ e per gli altri”, conclude Possamai che insieme ai colleghi dem Vanessa Camani, Jonatan Montanariello, Andrea Zanoni e Francesca Zottis, invita la Regione Veneto ad “avviare subito una capillare campagna di comunicazione per incentivare la popolazione a vaccinarsi”.











Ultime Notizie

To Top