LA economia

Esportazioni delle PMI manifatturiere italiane nei Paesi ad alto valore commerciale

L’internazionalizzazione delle imprese costituisce uno degli obiettivi prioritari per la crescita, anche sociale; per crescere bisogna produrre di più; per produrre di più bisogna vendere anche nei mercati esteri ad alto valore commerciale. Le esportazioni saranno più sostenibili se le imprese condivideranno obiettivi e risorse per adeguarsi alle trasformazioni in atto nel mondo del commercio: nuovi e diversi modi di vendita e servizi. Nel presente-futuro i mercati ad alto valore commerciale richiederanno l’insieme di settori e marche, sarà utile adeguare il percorso di sviluppo. Studi dimostrano che l’internazionalizzazione proattiva rafforza la crescita strutturale aumentando redditività e competitività per lo sviluppo delle Imprese nei mercati globali.

▪ L’aumento dell’instabilità economica ha diffuso nuovi strumenti per la crescita quali la «condivisione sostenibile», che mira all’Insieme di risorse basata su centralità dell’obiettivo, ampliamento dell’offerta, ottimizzazione delle risorse, flessibilità, managerialità e servizi capaci di irradiare modalità connettive e collaborative fra Soggetti legati da una filosofia di economia condivisa e da un obiettivo prioritario.

▪ I Commercialisti, che dal 2016 hanno deciso di assistere i Clienti che puntano all’estero con l’obiettivo di valorizzare il loro ruolo sulle questioni tecnico-operative connesse alla internazionalizzazione, possono ricoprire un ruolo attivo nell’attività di crescita e di semplificazione.

Quadro di riferimento

La crescita delle PMI manifatturiere è una scelta strategica fondamentale per il rilancio dell’economia italiana; spesso escludono la leva dell’export nei Paesi lontani ad alto valore commerciale a causa di ridotta massa critica, mini-dimensione, ridotte disponibilità finanziarie per l’accesso all’innovazione, zero economie di scala, scarsa managerialità. il potenziale delle PMI è alto, esportano soltanto il 29% contro il 50% di altri Paesi.

Una delle modalità operative

Aziende del Made in Italy, assistiti dai loro Professionisti di fiducia ai quali delegano il controllo del buon andamento dell’operazione, costituiscono una società concessionaria in esclusiva per esportare nei mercati ad alto valore commerciale senza interferire con la programmazione ordinaria (attività parallela e residuale).

La società, partecipata pariteticamente, è amministrata da un Coordinatore indipendente e diretta da Manager esperti di logistica d’insieme per esportare i prodotti con etichette originali nei Paesi dove le imprese socie non sono presenti. È sostenuta da una percentuale sul fatturato.











Ultime Notizie

To Top