LA news

ASST Pavia : “testate molte persone in modo rapido, una su 200 non sa di avere virus”

“Il progetto HAND ha prodotto un valore aggiunto”. Sono della stessa opinione il professor Pierluigi Politi e la dottoressa Assunta Lanza, rispettivamente direttore del dipartimento Salute Mentale e Dipendenze e dirigente medico entrambi dell’Azienda Socio-Sanitaria Territoriale di Pavia (ASST), intervenuti in occasione del corso di formazione ECM sulla gestione dei tossicodipendenti con epatite C, organizzato dal provider Letscom E3 con il contributo non condizionante di AbbVie. Dopo Pozzuoli, Alessandria, Brindisi, Benevento, Siracusa, Roma, Torino e Pesaro, la nona tappa è stata quindi a Pavia, dove si è svolto l’incontro dal titolo ‘Buone prassi e networking nella gestione dell’epatite C in soggetti con disturbo da addiction, al tempo del Coronavirus’. I corsi di educazione continua in medicina (che saranno in totale 16 su tutto il territorio nazionale) rientrano nell’ambito del progetto ‘HAND – Hepatitis in Addiction Network Delivery’, il primo progetto pilota di networking a livello nazionale patrocinato da quattro societa’ scientifiche (SIMIT, FeDerSerD, SIPaD e SITD), che coinvolge i Servizi per le Dipendenze e i relativi Centri di cura per l’HCV afferenti a diverse citta’ italiane.
“Il principale valore aggiunto di HAND- ha spiegato Politi- è nell’aver individuato una coorte di persone fragili, non solo dal punto di vista biologico, infettivo ed epidemiologico, ma anche sociale. Si tratta di persone che somaticamente sono più aggredibili dal virus e contemporaneamente sono anche quelle più in grado di trasmettere l’infezione. Per cui il progetto HAND ha fatto bene all’individuo così come alla società”. Secondo Lanza sono “molteplici i contributi di questo progetto- ha aggiunto- il primo è stato quello di riportare l’attenzione a livello nazionale sulla necessità di implementare l’attività di diagnosi e di cura delle persone affette da epatite C. Il secondo è stato quello di aver reso fruibili e con celerità un numero considerevole di test rapidi a favore dei centri che hanno aderito al progetto; questo ha portato da una parte a testare un gran numero di persone in modo veloce e dall’altra a fare un’opera di sensibilizzazione e di informazione proprio tra quelle popolazioni a maggior rischio. Il terzo contributo è stato poi quello di mettere in rete i tanti professionisti del settore che operano sul piano nazionale”.

Il direttore Politi ha quindi parlato dell’importanza dello screening per individuare in tempo i soggetti malati, perché secondo le statistiche “una persona su 200 non sa di aver contratto il virus dell’epatite C. Dunque- ha proseguito- è un problema di salute pubblica tutt’altro che raro come prevalenza dell’infezione nella popolazione generale. Già questo dato, secondo me, la dice molto lunga sulla necessità di riprendere il cammino indicato dall’Organizzazione mondiale della Sanità per eradicare il virus dal nostro Paese entro il 2030”. Certamente, secondo Politi, le scadenze indicate dall’Oms “possono essere aggiornate, anticipate o ritardate- ha aggiunto- ma l’importante è non perdere di vista questo obiettivo perché è un’infezione che dà grossi problemi sul medio lungo-periodo, quando ormai si sono perse troppe occasioni”.
Negli ultimi mesi la pandemia da Covid-19 ha portato spesso alla sospensione di altre attività mediche. “In realtà- ha però tranquillizzato Lanza- all’interno del Servizio per le dipendenze di Pavia proprio in questo periodo critico è stato svolto un intenso lavoro di screening, che ha portato a testare più di 540 persone con i test rapidi per l’epatite C, che noi abbiamo utilizzato nella modalità capillare. Inoltre, gli approfondimenti diagnostici successivi a cui sono stati sottoposti tutti i pazienti trovati positivi al test rapido hanno portato ad approfondire le indagini anche sulle altre malattie trasmesse per via sessuale e per via ematica, evidenziando un numero non trascurabile di soggetti negativi per l’epatite B che sono stati avviati al ciclo vaccinale. Ci auspichiamo dunque- ha sottolineato- che al più presto possano essere ripresi i trattamenti e i follow up per i malati di epatite C per scongiurare l’insorgenza delle complicanze più gravi della malattia, quali la cirrosi epatica e l’epatocarcinoma”.Il Covid-19 ha dimostrato quanto sia importante investire in prevenzione in ambito infettivologico, per questo ACE (Alleanza contro le epatiti) ha lanciato una campagna che prevede per i cittadini un test congiunto per Covid-19 ed Epatite C. “Un’iniziativa assolutamente apprezzabile e apprezzata- ha commentato Politi- Il virus dell’epatite C e quello del Covid-19 sembrerebbero agli antipodi, perché il primo esprime un contagio silenzioso, strisciante e che avrà delle ripercussioni sul lungo termine, il secondo è una pandemia assolutamente manifesta diffusa nella popolazione e con delle ricadute a breve termine. Eppure l’iniziativa di ACE ha individuato una possibile sinergia non solo tra il personale sanitario che si occupa delle due infezioni- ha concluso- ma anche nei confronti degli stessi utenti che possono beneficiare di un doppio intervento”. 
 ASST PAVIA: È NEMICO SILENZIOSO CHE VA DEBELLATODIRETTORE SOCIO SANITARIO: PROGETTO ‘HAND’ FONDAMENTALE PER FARE RETE
 “Quest’anno abbiamo effettuato screening su circa 500 persone, arrivando ad individuarne circa 150 positive all’HCV. Adesso siamo in procinto di attivarci anche per il processo di cura e di terapia attraverso il nostro territorio, portando avanti un impegno concretamente operativo. Siamo orientati su questo tema e ci siamo ‘buttati’ dentro in pieno”. Cosi’ il dottor Armando Marco Gozzini, direttore socio-sanitario dell’ASST di Pavia, nel corso di un’intervista nell’ambito del progetto ‘HAND – Hepatitis in Addiction Network Delivery’.
“Stiamo vivendo una grande emergenza sanitaria legata al Covid-19- ha proseguito Gozzini- ma e’ importantissimo tornare a screenare tutta la popolazione, compresa quella dei tossicodipendenti. All’interno del nostro ospedale abbiamo un dipartimento di Salute Mentale, a cui afferiscono i Ser.D., che sono i centri territoriali per la prevenzione delle dipendenze, e siamo molto attenti al tema dell’epatite C”. Con un emendamento al decreto Milleproproghe sono stati stanziati circa 70 milioni di euro, nel biennio 2020-2021, per introdurre lo screening gratuito necessario a individuare i potenziali malati per l’eradicazione dell’HCV. “Mancano ancora i decreti attuativi- ha sottolineato Gozzini- ma credo che tutti siamo ben orientati, politici e sanitari, per arrivare insieme al traguardo. Anche la nostra direzione sanitaria e’ molto impegnata sul fronte dell’epatite C”.
La pandemia che stiamo attraversando, intanto, puo’ essere un’opportunita’ per accendere i riflettori sul tema dell’epatite C, che il direttore Gozzini definisce il “nemico silenzioso. Sicuramente il Covid- ha spiegato- mette in evidenza tanti aspetti di origine infettivologica, compreso quello dell’epatite C. L’emergenza sanitaria sicuramente fara’ scattare un momento culturale diverso, in cui saremo tutti piu’ pronti ma soprattutto piu’ attenti al nostro corpo e alla nostra salute. Questo e’ un nostro dovere morale, un dovere della societa’, che deve coinvolgere anche i giovani, perche’ si possa insieme affrontare al meglio tutti gli scenari, anche imprevisti come quelli pandemici”. Il Covid-19 ha dimostrato quanto sia importante investire in prevenzione in ambito infettivologico, per questo ACE (Alleanza contro le epatiti) ha lanciato una campagna che prevede per i cittadini un test congiunto per Covid-19 ed Epatite C. Cosa ne pensa di questa iniziativa? “Tutto cio’ che contribuisce a migliorare, prevenire e combattere gli ambiti infettivologici e’ assolutamente necessario e doveroso. Il Covid-19 e l’epatite C- ha risposto Gozzini- sono due patologie diverse, la prima un po’ piu’ violenta e immediata, l’altra piu’ subdola e a lungo termine, ma credo che ci si debba impegnare con tutti i mezzi necessari di screening e di prevenzione sul territorio negli ambienti sanitari”.
Far emergere il ‘sommerso’, cioe’ tutte quelle persone infette che ancora non sanno di esserlo, e’ una delle chiavi per combattere il virus dell’epatite C. In questo senso HAND, il primo progetto pilota di networking a livello nazionale patrocinato da quattro societa’ scientifiche (SIMIT, FeDerSerD, SIPaD e SITD), si e’ reso un valido modello nell’andare a ‘scovare’ gli infetti attraverso l’utilizzo di test rapidi salivari. “Ringrazio tutto il network che ha provveduto a fornirci anche i test sul sangue- ha commentato ancora il dottor Gozzini- per iniziare con questo tipo di screening. Per noi e’ fondamentale essere collegati e in rete, per avere un indirizzo e un obiettivo comune ed essere uniti in una campagna anche di tipo promozionale all’interno dei nostri operatori. È molto importante rendere tutti dotti di quanto sia necessario debellare l’epatite C dal nostro Paese entro il 2030, cosi’ come ci e’ stato indicato dall’Organizzazione mondiale della Sanita’. Abbiamo ancora 10 anni per sconfiggere questa patologia- ha concluso- allora impegnamoci tutti affinche’ si arrivi a questo traguardo”.














Le Più Lette

LA NOTIZIA PONTINA Registrazione al Tribunale di Latina Nr.2 del 12/02/2018 Direttore responsabile: Daniele Ronci info: redazione@lanotiziapontina.it

Copyright © 2020 La Notizia Pontina

To Top