Cisterna

Migliorano le condizioni del dipendente della Cisterna Ambiente

Arrivano notizie positive sul dipendente della Cisterna Ambiente rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro. Stanno lentamente migliorando le condizioni di salute dell’operaio rimasto ferito sabato scorso, mentre era impegnato a spostare alcuni contenitori a bordo di un mezzo da lavoro, nel cortile della rimessa della società dei rifiuti. L’uomo di circa 50 anni e residente a Sabaudia è uno dei caposquadra della forza lavoro della Cisterna Ambiente. Sabato mattina il 50enne stava lavorando all’interno del quartier generale di Sciangai, quando è rimasto vittima di un incidente che gli ha provocato la frattura di tre costole. Un infortunio che poteva avere conseguenze ben più serie se non fosse stato per il provvidenziale intervento prima e per l’immediato  allarme lanciato dai colleghi dell’operaio poi, che hanno  subito allertato lo staff del 118, di stanza a pochi metri. L’equipe medica, dopo aver visitato sul posto il dipendente ferito, ha poi chiesto  l’ausilio dell’eliambulanza Pegaso. Così in via della Province è atterrata l’eliambulanza, che ha poi trasportato d’urgenza l’uomo all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Una decisione scaturita dalle condizioni di salute del 50enne: un trasporto via terra infatti avrebbe potuto peggiorare le condizioni dell’operaio. Il suo quadro clinico al momento è stabile e, secondo i medici, il 50enne non sarebbe in pericolo di vita, anzi la sua situazione migliorerebbe di giorno in giorno. Al fine di fare luce sull’accaduto sabato mattina sono arrivati nel cortile della Cisterna Ambiente i carabinieri del Comando stazione locale, impegnati in queste ore nell’attività di indagine per ricostruire la dinamica che ha portato all’incidente. Si tratta del primo infortunio serio accaduto all’interno della Cisterna Ambiente. In oltre dieci anni di attività nella struttura di Sciangai non si sono mai registrati incidenti con ricovero fino allo scorso sabato.

FONTE: Latina Editoriale Oggi edizione odierna a firma Gabriele Mancini











Le Più Lette

To Top