Latina

Progetto +Vita, presentato questa mattina

L’innovativo programma di presa in carico promosso da ASL LATINA che aggiunge qualità alla vita
alle persone portatrici di cronicità. Accompagnandone il percorso
di cura.

Progetto +VITA: i key point

+ VITA, l’innovativo programma di ASL LATINA che aggiunge qualità alla vita delle persone portatrici di cronicità.

Il programma:

È un percorso controllato che opera sul fronte della prevenzione e dell’aderenza alla terapia

Migliora l’efficienza dei percorsi di cura individuali, facilitando per i pazientil’accesso alle cure

Rende più sostenibile, per il sistema sanitario, la gestione dei percorsi di cura, riducendo l’acutizzazione delle patologie e garantendo la programmazione nell’erogazione delle prestazioni. Anche con l’obiettivo di limitare il ricorso all’emergenza

Libera tempo, restituendo al paziente tempo prezioso di vita quotidiana Mitiga le preoccupazioni e lo stress del paziente
Porta serenità ai familiare e ai care-giver, riducendo il carico di impegno

Un programma che riduce per i pazienti (e i loro famigliari) le barriere di accesso ai percorsi di cura, code, attese, tempistiche, certezza della prestazione, e aggiunge
+ VITA da impegnare in attività positive.

CHE TU SIA UN PAZIENTE, CHE TU SIA UN CAREGIVER, GRAZIE ALL’ASL CURARE LA CRONICITÀ DA OGGI DIVENTA PIÙ SEMPLICE.

Che cos’è il progetto +VITA

Il progetto +VITA ideato e organizzato dalla ASL di Latina propone un nuovo modello di accom- pagnamento del percorso di cura per il paziente cronico, mettendo in campo un approccio sistematico alla gestione della cronicità.
Il modello prevede un impegno dell’Azienda ASL nella programmazione e pianificazionedell’erogazione delle prestazioni medico-assistenziali, sulla base dei bisogni di cura indicati dal Medico di Medicina Generale.

Il progetto fa leva su un coinvolgimento diretto del paziente, che è chiamato, insieme ai Medici di Medicina Generale (MMG) e alla stessa ASL, a essere parte attiva delle azioni voltea prendersi cura del suo stato di salute: un vero e proprio “patto di cura” che porta benefici al paziente e ai suoi famigliari, e benefici al sistema sanitario, che può gestire attraversoun’organizzazione preventiva l’erogazione delle prestazioni.

CON +VITA CAMBIA RADICALMENTE
LA PROSPETTIVA SUL PAZIENTE, CHE DIVENTA IL CENTRO DELL’ORGANIZZAZIONE DELL’OFFERTA DEI SERVIZI NECESSARI AL SUO PIANO DI CURA

L’approccio sistematico alla gestione della cronicità dell’ASL di Latina poggia su quattro elementi:

PATTO DI CURA

IL percorso prevede una collaborazione tra il paziente, il Medico di Medicina Generale e la ASL,che diventano co-responsabili nella definizione e nell’attuazione del piano di assistenzaindividuale.

GESTIONE PER PDTA

L’approccio alla cura attraverso Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali, con l’utilizzo di strumenti che consentono di attuare la presa in carico e la gestione del paziente attraverso il piano di cura.

INTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO

Il progetto prevede coinvolgimento della Medicina Generale organizzata principalmente nelle forme delle UCP, in cui la vicinanza con alcuni servizi territoriali dell’ASL (es. distretti) rappresenta la grossa potenzialità di integrazione multi-disciplinare e multi-professionale, che se arricchita dalla presenza degli infermieri case manager, consente di realizzare l’obiettivoespresso nella definizione classica di Casa della Salute. L’attivazione delle Centrali di continuità territoriale, presìdi presso i quali operano figure infermieristiche che svolgono il ruolo di casemanager, avverrà in via sperimentale presso due sedi con il compito di facilitare la presa in carico del bisogno assistenziale dell’assistito.

UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA

Un’apposita piattaforma tecnologica predisposta dalla ASL, e condivisa, consentirà ai Medici di Medicina Generale e a tutti i soggetti coinvolti nel progetto di essere costantemente aggiornati rispetto all’andamento del percorso di cura, e di seguire il paziente sia nell’organizzazione divisite, esami e prenotazioni, sia per ciò che riguarda l’aderenza a terapia, prestazioni sanitariee stili di vita più sani. Soluzioni di telemedicina verranno adottate e implementate per modellocon l’obiettivo di “accorciare le distanze” in territori e aree definite disagiate.

A chi si rivolge

Destinatari del progetto +VITA sono i pazienti affetti da patologie croniche quali:diabete

broncopatia cronica ostruttiva (BPCO) scompenso cardiaco (prossima attivazione).

Si tratta di patologie progressive, che necessitano di un monitoraggio attento e continuo, perlimitare i rischi di un aggravamento che può portare a condizioni di invalidità di diversa entità.

I benefici per i cittadini/pazienti

Aderendo al progetto, il paziente avrà a disposizione un “programma personalizzato” delle attività diagnostiche e assistenziali da seguire in funzione della propria condizione di cronicità. Sarà la ASL, in coordinamento con i Medici di Medicina Generale e attraverso la piattaformainformatica dedicata, a gestire gli step di cura, pianificare visite ed esami, prenotare le prestazioninel punto di erogazione (ospedale, ambulatorio, ecc.) più comodo, avvertire il paziente su scadenze e appuntamenti.

Le prestazioni e gli esami previste nel Piano Assistenziale Individuale del paziente sarannoinfatti prenotate direttamente dal Medico di Medicina Generale, evitando file al Cup, e tramiteagende dedicate alla cronicità dei pazienti +VITA, messe a disposizione dalla ASL di Latina. L’ASL e il Medico di Medicina Generale saranno costantemente accanto al paziente nel ricordare (attraverso sms e altri sistemi di messaggistica) gli appuntamenti in programma, le terapie farmacologiche da assumere, i corretti comportamenti e le abitudini di vita da seguire.

Pazienti, familiari e care-giver verranno così alleggeriti della necessità di ricordare le date delle visite e delle prestazioni, di consumare tempo ed energie per le prenotazioni di esami e visite, di vivere lo stress delle scadenze e dei disagi burocratici che una condizione di cronicità impone.

L’ASL tenderà sempre più a una organizzazione dell’offerta della cronicità che punta allaprossimità dell’erogazione delle prestazioni nei centri più vicini alla vita del paziente e a organizzare le prestazioni con uguale periodicità nella stessa giornata per evitare al paziente continui spostamenti.

Inoltre, il modello nella fase sperimentale prevede l’istituzione (solo) in alcune sedi delle Centrali di Continuità Territoriale composte da team di infermieri specializzati in case management, cheaffiancheranno il Medico di Medicina Generale nella supervisione dell’aderenza del pazientea quanto programmato nel Piano Assistenziale Individuale, oltre ad accompagnare l’assistito nell’adeguamento ad abitudini e stili di vita più salutari rispetto alla patologia.

Il risparmio di tempo e di stress relativo a tutte queste incombenze consentirà al paziente di avere più tempo da dedicare alla propria vita personale e sociale, ritardare il più possibile la progressione della patologia e prevenire episodi di acuzie/emergenze “evitabili”, generate dalla mancata gestione preventiva della propria condizione di salute.

Il ruolo della ASL
e dei Medici di Medicina Generale

Con il progetto +VITA il Medico di Medicina Generale svolge un ruolo centrale e determinante: è lui infatti il principale interlocutore nella “relazione” con il paziente.

Con il nuovo modello proposto da ASL Latina, la Medicina Generale si propone non più come una medicina “di attesa”, ma è chiamata a svolgere un ruolo attivo (“medicina d’iniziativa”)nella prevenzione delle cronicità, nell’identificazione precoce del bisogno del paziente e nella definizione del miglior percorso di cura in relazione allo stato di gravità dello stesso, rafforzando l’aspetto relazionale in termini di affiancamento nel percorso, supporto ed educazione.

Con +VITA, ASL Latina propone ai Medici di Medicina Generale uno strumento efficiente ed efficace, che li mette nella condizione di poter accompagnare al meglio i propri pazienti lungoil percorso di cura.

Il Medico di Medicina Generale è inoltre affiancato in questo processo organizzativo dallaASL, non solo nei luoghi propri di gestione della cronicità (quali UCP e Case della Salute), ma anche grazie all’introduzione delle Centrali di Continuità Territoriale (CCT) dove operano i case manager, personale ASL specializzato che accompagna la persona assistita lungo il percorso clinico-assistenziale.

Il progetto prevede importanti benefici anche a livello di ricadute sul sistema sanitario.Tramite l’adesione al progetto +VITA, sarà infatti possibile per la ASL conoscere a monte il bisogno di cura e assistenza della propria popolazione, a cui far corrispondere un programmadi interventi e prestazioni appropriato e organizzato, adeguando la propria offerta di medioperiodo con un potenziale impatto positivo in termini di riduzione delle liste d’attesa, oltreche pianificando per tempo gli interventi da porre in essere per garantire la copertura delfabbisogno.

Saranno inoltre previste soluzioni di Telemedicina per avvicinare la popolazione ai servizisanitari, laddove vincoli di accesso e di collocazione geografica creino delle distanze “fisiche” difficilmente superabili adeguandole alle singole caratterizzazioni dei luoghi presenti sulterritorio.

Gli step di sviluppo del progetto

GIUGNO 2019: FASE SPERIMENTALE

Patologie croniche previste dal programma: Diabete Mellito e BPCO.Medicina Generale coinvolta: 6 UCP (1 Latina, 1 Cori, 1 Aprilia, 3 Minturno) e

MMG delle isole Ponza e Ventotene.

2 Centrali di Continuità Territoriale con infermieri case manager dedicati, presenti nel Poliambulatorio di Aprilia e nel Poliambulatorio di Latina.

4 postazioni di Telemedicina da installare presso i Poliambulatori di Cori, di Minturno, di Ponza e di Ventotene.

1 piattaforma tecnologica integrata: ASL, Regione, Software Medicina Generale.Prima tappa del tour +VITA presso il Comune di Latina

AVVIO FASE ESTENSIONE – DA OTTOBRE 2019

Il progetto +VITA si amplia, e va a comprendere la patologia dello scompenso cardiaco.

Nuovi PDTA verranno pianificati e progressivamente integrati nel nuovo modell.

Formazione su piattaforma tecnologica e modello di servizio per altri Medici di Medicina Generale.

Potenziamento dell’offerta ASL per la cronicità (ampliamento dei medici coinvoltie nuovi centri di prossimità della ASL).

Proseguimento del tour +VITA nei Comuni della Provincia.

COMPLETAMENTO ESTENSIONE – 2020

La campagna di comunicazione

IL LOGO

La campagna di comunicazione

On-line, Off-line, sul territorio.
Uno strumento per diffondere la cultura della cura
e coinvolgere i pazienti cronici.

Il programma +VITA viene presentato e promosso attraverso una campagna di comunicazionemulticanale che si rivolge a tutta la popolazione del territorio della ASL e, con materiali specifici di presentazione e di engagement, offre strumenti informativi al potenziale target di utenti utenti(pazienti portatori di una delle cronicità previste dal programma) e ai loro care-giver.

MATERIALI DI COMUNICAZIONE

I materiali di comunicazione specifici (leaflet, poster, locandine, ecc.) saranno presenti e diffusipresso touch-point privilegiati (gli studi dei Medici di Medicina Generale, le farmacie, ecc).

CAMPAGNA SUI MEDIA


Verranno potenziate iniziative che permettano ai pazienti e ai cittadini di acquisire compe- tenze nel settore della salute, in particolare chiamandoli a una consapevole responsabilità nelle scelte di salute e nelle abitudini di vita attraverso:

  

Comunicati stampa
House Organ Aziendale “Latina Salute” Articoli con focus sulle attività del progetto

SITO WEB

All’avvio del progetto sarà attivato un apposito spazio, all’interno del sito web della ASL, dedicato al servizio, ricco di informazioni e di facile consultazione per tutte le tipologie di utente. Un immediato “punto informativo” che presenta il pro- gramma +VITA, descrive i PDTA attivati, indica ai cittadini/pazienti come aderire al programma e sarà costantemente ag-giornato sulle tappe di sviluppo e diffu- sione del progetto.

 Quotidiani TV

La comunicazione sul territorio

+VITA IN TOUR

Verrà realizzato, con un calendario a cadenza regolare, un tour a 360° in tutte le piazze principali di molti Comuni della Provincia. L’occasione per incontrare i cittadini sul territorio, presentare le potenzialità e i vantaggi del programma + VITA e facilitare l’adesione da parte dei cittadini. Le iniziative prevederanno:

Visite specialistiche
Esami di screening
Interventi di promozione della salute

 

 Conferenze
Orti della salute

 

Proposte di mobilità sostenibile con focus su ambiente e salute

Coinvolgimento degli imprenditori agricoli locali “a KM zero”, con prodotti agricoli

Programmi di salute e movimento

Riferimenti

TEAM DI PROGETTO

Battisti Walter Biaggi Roberta Busco Susanna
Di Lenola Lorena Di Marco Anna Fiori Marco Lombardi Assunta Rossi Belardino Sabatucci Antonio

CONTATTI MEDIA

UOSD Comunicazione e relazione con il pubblico

Tel. 0773 6553404
eMail comunicazioneintegrata@ausl.latina.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *








Le Più Lette

LA NOTIZIA PONTINA Registrazione al Tribunale di Latina Nr.2 del 12/02/2018 Direttore responsabile: Daniele Ronci Proprietà: Blues Eventi srls - corso della Repubblica 270 - Cisterna di Latina info: redazione@lanotiziapontina.it

Copyright © 2018 La Notizia Pontina

To Top