Cisterna

Movimento 5 Stelle: “Questione Buche risolvibile in 60 giorni”

“Tredici anni fa iniziava l’iter per la più grande vergogna che Cisterna abbia mai subito. Un continuo tira e molla fatto di truffe morali e finanziarie dove gli unici a pagare sono stati i cittadini. 

Oggi assisteremo all’ennesimo teatrino messo in atto da questa amministrazione, o forse meglio dal sindaco, che sentendosi direttamente responsabile ha deciso, senza consultare le forze politiche, di agire. Ma questa volta non nel suo modo più congeniale, infatti, non notiamo la sua classica “mano pesante” per prendersi le sue responsabilità, ma al contrario, sceglie ancora di concertare un accordo con chi ha contribuito a questa vicenda.

Ci diranno che è l’unica soluzione possibile, ci faranno credere che la società abbia fatto il mea culpa. Ma la realtà è che si continua a prendere tempo e a deturpare l’immagine urbanistica e morale di questa città. Per quanto buono potrebbe essere il progetto che presenterà l’amministrazione, noi non abbiamo più nessuna fiducia verso la proprietà privata. 

Non siamo per l’immobilismo e chiediamo al sindaco un intervento immediato per quanto riguarda l’area pubblica. Discorso differente invece per l’area con interesse misto tra pubblico e privato.

Noi abbiamo la nostra soluzione. Ne parlavamo in campagna elettorale e a differenza del sindaco, per noi la coerenza è tutto. 

La questione “buche” sarebbe risolvibile in 60 giorni, sempre se ad amministrare non ci siano interessi personali e politici.

Il comune è stato già truffato con una falsa fideiussione da oltre 8 milioni di euro. Come possiamo ancora fidarci di questa società? Come possiamo ancora permettere di affidarci nuovamente agli stessi inadempienti? 

L’unica via possibile è l’esproprio del terreno al privato e successivamente portare i responsabili in tribunale.

È necessario un intervento degli organi competenti, per certificare se ci siano problemi igienico-sanitari e di sicurezza dell’intera area e degli edifici adiacenti. Una volta avuti i raffronti con questi enti e appurate queste problematiche, si arriverebbe alla possibilità di eseguire l’esproprio tramite ordinanza. 

Siamo di fronte ad una questione che va avanti da oltre dieci anni. Dove a governare la città ci sono stati sempre gli stessi. Sarebbe curioso conoscere cosa pensa l’UDC locale di questa vicenda, avendo nel loro partito il progettista di tale vergogna.

È nostro dovere dare alla città la giustizia che merita. È dovere di tutti e soprattutto della politica di risolvere questo problema una volta per tutte, portando alla luce anche i responsabili”.

Il gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Cisterna di Latina











Ultime Notizie

To Top