Latina

Attivo Unitario contro la regionalizzazione del Sistema Istruzione

RSU, Quadri e Dirigenti sindacali si incontrano a Latina presso l’Istituto Galilei–Sani oggi 3 maggio alle ore 9,30 per l’attivo promosso da FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA RUA, SNALS CONFALS e GILDA UNAMS, attivo che si inserisce nel quadro più generale della mobilitazione unitaria lanciata a livello nazionale il 7 marzo u. s.

Mobilitazione sui temi che costituiscono per il mondo della scuola e per la categoria vere emergenze per il paese:

  • Rinnovo del contratto nazionale di lavoro, con una rivalutazione significativa delle retribuzioni.
  • Soluzioni che consentano da subito la stabilizzazione del rapporto di lavoro dei precari sia nell’area docenti che nell’area del personale ATA.
  • Organici Docenti ed ATA commisurati alle reali esigenze, evitando cosi il sovraccarico di incombenze che gravano oggi sugli uffici di segreteria e sul personale ATA tutto, senza supporto in termini di formazione e di strumentazione.

Alle situazioni sopradescritte che affliggono il settore, si aggiunge la preoccupante prospettiva di una regionalizzazione del sistema di istruzione fortemente contestabile nel merito e nel metodo, che mette a rischio il carattere unitario e nazionale del sistema.

Su quest’ultimo punto è in atto in tutta la scuola, tramite le RSU, la raccolta di firme contro l’autonomia in materia di istruzione e formazione. Si inviato pertanto tutti i cittadini ad aderire alla protesta e a firmare la petizione, presso le scuole.

Regionalizzare il sistema educativo e formativo significa:

  • prefigurare istituti e quindi studenti di serie A e di serie B, a seconda delle risorse del territorio;
  • ignorare il principio delle pari opportunità culturali e sociali e sostituirlo con quello delle impari opportunità economiche;
  • disarticolare il contratto di lavoro con sperequazioni inaccettabili negli stipendi e negli orari dei lavoratori della scuola che operano nella stessa tipologia di istruzione scolastica;
  • incidere sulle norme che regolano le condizioni di formazione e reclutamento dei docenti e sui relativi sistemi di valutazione;
  • subordinare l’organizzazione scolastica alle scelte politiche ed economiche di ogni singolo Consiglio Regionale.

Significa in sostanza, frammentare il sistema educativo e formativo nazionale e la cultura stessa del nostro paese.

UNITARIAMENTE FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA RUA, SNALS Confals e GILDA Unams fanno appello ad un forte impegno civile e culturale per aprire un confronto vero, serio con gli organi istituzionali e sociali per fermare questo pericoloso processo per la scuola e per il Paese, che non ha bisogno di una disgregazione culturale e sociale soprattutto in questo momento di grande fragilità.

All’attivo interverranno i Segretari delle OO. SS.

CISL SCUOLA                                                           Tommasina Fantozzi

FLC CGIL,                                                                   Imma Foggia

UIL SCUOLA RUA,                                                 Pasquale di Vanna

GILDA Unams,                                                        Patrizia Giovannini

SNALS Confsal,                                                       Canio Mieli











Le Più Lette

To Top