Latina

Sbarco sulla Luna, 50 anni dopo. A Lievito arriva il simulatore spaziale

LaNotiziaPontina.it

Protagoniste le scuole, con teatro e graphic novel. In serata musica e degustazione
Spazio allestito presso il foyer del D’Annunzio per l’incontro con Pelella

Lievito vola nello spazio,cinquant’anni dopo lo sbarco del primo uomo sulla Luna. Lo farà nel corso di due incontri con Alessio Valentino Pelella, dottore magistrale in Ingegneria Spaziale e Astronautica e divulgatore scientifico. Il primo si terrà a scuola, presso l’istituto Galilei Sani alle 11:15 e poi in replica nel pomeriggio alle 16 nel foyer del teatro D’Annunzio. Partendo dalla corsa allo spazio verrà introdotto il programma della NASA, descrivendo e raccontando come si è riusciti ad atterrare sul nostro satellite naturale, le grandi scoperte conseguenti e le importanti ricadute tecnologiche. Dopo la presentazione sarà possibile cimentarsi ai comandi del realistico simulatore spaziale del Modulo di Comando e Servizio, realizzato e presentato dall’associazione divulgativa BIS-Italia di cui è collaboratore Pelella. A cura di Felice Costanti, in collaborazione con APA e BIS-Italia. 

Le scuole saranno protagoniste della giornata anche con altri eventi. In mattinata, dalle 10 nell’aula magna del liceo Grassi, ci sarà“Il tesoro di Manuch”, monologo teatrale per gli alunni delle classi terze degli istituti comprensivi di Latina, Don Milani, Volta, Corradini e Cena. Si tratta di uno spettacolo scritto e interpretato da Davis Tagliaferro. Al pianoforte Emanuela Berardi, con musiche di Johann Sebastian Bach, Erik Satie, Ludovico Einaudi, Keith Jarret. L’attore narra e interpreta tutti i personaggi della storia, alternando momenti di narrazione e momenti di letteratura, di teatro e poesia. La storia è quella di un bambino della periferia di Roma, vissuto in estrema povertà, che scopre casualmente un tesoro: i libri e la lettura, la bellezza della cultura. A cura di Antonietta Coletta.

Alle 11:30 sarà la volta del liceo Artistico, dove i ragazzi incontreranno Stefano Casini, autore di punta di Bonelli Editore, che presenterà “Gli anni migliori”, una disincantata storia ambientata negli anni Settanta in una piccola località della riviera toscana, con protagonisti due giovani adolescenti – Max e Saverio – alla ricerca dell’amore. L’opera è una graphic novel e, nel pomeriggio, entrerà in dialogo con un’altra narrazione: quella di Fabrizio Gargano“30 Giorni”, graphic novel d’esordio dell’autore pontino. La storia, ispirata ad una vera, ha per protagonista un uomo affetto da schizofrenia. “Trenta giorni sono un sacco di tempo. Chi è stato completamente felice per trenta giorni in una vita intera? Pochi, pochissimi. Sì, sono un sacco di tempo”. L’appuntamento tra e con i due autori è alle 17:30 nella sala multimediale del Palazzo della Cultura. L’evento è a cura di Renato Chiocca.

Subito a seguire c’è la musica, come sempre nel foyer del teatro D’Annunzio: al pianoforte Tatiana Stankovych e Francesco Cecchet al contrabasso, alle 19 suoneranno nel concerto “Improvvisi Romantici”. A cura di Silvio Scena.

La quinta giornata di Lievito si conclude con una cena-degustazione. Alle 21 l’enoteca Bacco e Venere ospita “ConosciamOli”, un progetto di Oliocentrica nato per far conoscere le storie delle persone che ci sono dietro un prodotto d’eccellenza. In questo caso il protagonista è il produttore Marco Carpineti, titolare dell’omonima azienda agricola biologica situata a Cori. A cura di Floriana Coletta. Costo cena-degustazione: 15 euro. Prenotazione obbligatoria al numero: 328.4129002. 

Prosegue nel frattempo l’esposizione delle opere di Alessandra Chicarella con “Painting Goldrake”, e di Marcello Trabucco con “Granelli di sabbia”. Le due mostre diarte contemporanearesterannovisitabili gratuitamente nello Spazio Eventi del MUG(Museo Giannini, Via Oberdan – Latina)fino al 5 maggio,con i seguenti orari: tutti i giorni dalle 17 alle 20; sabato e domenica (27 e 28 aprile, 4 e 5 maggio) anche di mattina dalle 10 alle 13.

Ancora aperta la prevendita dei biglietti per lo spettacolo di Marco Paolini, Tecno Filò – Technology and Me, previsto il 30 aprile alle 21 nell’auditorium del liceo classico Dante Alighieri. Orari prevendita: tutti i giorni dalle 16:30 alle 10:30; il 30 aprile anche di mattina dalle 10:30 alle 12:30. Infopoint Palazzo della Cultura, Via Umberto I – Latina.

SCHEDE EVENTI 29 APRILE

ORE 10 Aula Magna Liceo Scientifico G.B. Grassi 

IL TESORO DI MANUCH

con Davis Tagliaferro voce recitante ed Emanuela Berardi al pianoforte

a cura di Antonietta Coletta

Monologo teatrale per gli alunni degli Istituti Comprensivi Don Milani, Volta, Corradini e Cena.

Il Tesoro di Manuchè uno spettacolo scritto e interpretato da Davis Tagliaferro rivolto alle terze classi della scuola media. L’attore narra e interpreta tutti i personaggi della storia, alterna momenti di narrazione e momenti di letteratura, di teatro e poesia.

Questo spettacolo è un viaggio alla scoperta della conoscenza attraverso grandi autori come Pablo Neruda, Eduardo De Filippo, Giacomo Leopardi. Il racconto è accompagnato dalle musiche di grandi compositori quali J.S. Bach, Erik Satie, Ludovico Einaudi, Keith Jarret: un suggestivo viaggio fatto di parole, musica e immagini.

Si racconta la storia di un bambino rom vissuto nelle baracche della periferia di Roma che scopre casualmente la lettura, i libri. È la rivelazione di un tesoro. È la comprensione della necessità della cultura.

> Evento gratuito aperto a tutti


ORE 11:30 Aula Magna Liceo Artistico

GLI ANNI MIGLIORI

La disincantata storia negli anni ’70 di due giovani alla ricerca dell’amore.

Il graphic novel, ambientato in una piccola località della riviera toscana, presenta Max e Saverio, due adolescenti senza pensieri, se non per le ragazze, che cercano di capire di più della vita. I loro anni migliori sono dedicati alla scoperta delle donne, alla musica rock… con sullo sfondo gli inizi degli anni ’70, le prime rivendicazioni femminilipersonaggi d’antan, eroi “maledetti” e affascinanti. Una narrazione capace di coniugare personale e pubblico, storia e Storia.

Stefano Casini Diplomato alla Scuola Superiore di Industrial Design, è un autore di punta di Sergio Bonelli Editore. Le sue opere sono tradotte in più di dieci paesi. Questo è il suo secondo lavoro per Tunuédopo Di altre storie e di altri eroi. Nel 2016 è stato invitato in Cina per partecipare al progetto World Artist Illustrate Beijin, con altri dieci colleghi di varie nazionalità.


ORE 11:15 Aula Magna Galilei Sani

E ORE 16 Foyer teatro D’Annunzio

50 ANNI DOPO IL PRIMO UOMO SULLA LUNA – Storia, ingegneria, scienza

Incontro con Alessio Valentino Pelella

Sarà disponibile un simulatore di volo del CSM (Modulo di Comando e Servizio)

A cura di Felice Costanti, in collaborazione con APAe BIS-Italia

Alessio Valentino Pelelladal 2019 è dottore magistrale in Ingegneria Spaziale e Astronautica, laurea presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Tra le passioni quella per le missioni spaziali (membro di BIS-Italia dal 2014) e l’astronomia (socio APA dal 2012). Dal 2015 svolge attività di divulgazione spaziale e astronautica con BIS-Italia, tra cui lo sviluppo e anche la presentazione di diversi simulatori spaziali come quello esposto al foyer e a disposizione del pubblico.

“50 anni dopo il primo uomo sulla Luna: storia, ingegneria e scienza”. Quest’anno ricorre il cinquantenario di uno dei più rilevanti eventi della storia contemporanea: la conquista della Luna da parte dell’uomo, avvenuta il 20 luglio del 1969. Partendo dalla corsa allo spazio verrà introdotto il programma della NASA, descrivendo e raccontando come si è riusciti ad atterrare sul nostro satellite naturale, le grandi scoperte conseguenti e le importanti ricadute tecnologiche. A valle della presentazione sarà possibile cimentarsi ai comandi del realistico simulatore spaziale del Modulo di Comando e Servizio, il quale è realizzato e presentato dall’associazione divulgativa BIS-Italia. 

ORE 11:30 Aula Magna Liceo Artistico

GLI ANNI MIGLIORI 

graphic novel di Stefano Casini | Tunué

Incontro con l’autore a cura di Renato Chiocca

ORE 16  Sala Multimediale Palazzo della Cultura

GLI ANNI MIGLIORI + 30 GIORNI graphic novel di Fabrizio Gargano | Alt!

Il graphic novel d’esordio del giovanissimo cinquantunenne Fabrizio Gargano. 25 anni di lavoro in fabbrica, un matrimonio, due figlie, una grande passione per le storie che meritano di essere raccontate. Un lungo viaggio tra un’opaca realtà e una lucida follia, attraverso la feroce lente d’ingrandimento della malattia mentale. Un’opera necessaria per indagare a fondo nell’oscurità dell’animo umano. Viaggio di un mese in 164 pagine di follia reale e folle realtà. “Trenta giorni sono un sacco di tempo. Chi è stato completamente felice per trenta giorni in una vita intera? Pochi, pochissimi. Sì, sono un sacco di tempo”. Se decontestualizzati dalla sua condizione di sofferenza psicologica, molti dei pensieri di Roberto sono di una lucidità disarmante e capaci di un’analitica descrizione della natura umana nei suoi più biechi risguardi. Il tragico protagonista del graphic novel di Fabrizio Gargano è un ‘malato mentale’, la cui vita è scandita dall’alternanza tra T.S.O. coatti e una segregazione domestica che non ha nulla da invidiare agli arresti domiciliari. Quando non scappa dalla realtà con le disturbanti allucinazioni di cui è al contempo fautore e vittima, quando non prova ad auto-mutilarsi per placare il senso di colpa insostenibile, quando non attacca vicini e parenti a causa di paranoie che un fondo di verità ce l’hanno, Roberto sente di non avere altra scelta che provare a fuggire dall’ospedale, dalla famiglia, dalla vita e – forse – da se stesso. Il doppio vincolo in cui è intrappolato lo costringe ogni volta a portare con sé il bagaglio troppo pesante del dolore di un’esistenza che lo ha schiacciato fino a renderlo piatto come l’etichetta che gli è stata affibbiata: schizofrenia.

Tratto dalla storia dolorosamente vera del cognato dell’autore, il romanzo grafico dell’esordiente Fabrizio Gargano è una narrazione raffinata e avvilente sulla disperazione di un uomo la cui condanna è l’incomunicabilità della sua consapevolezza. Unica via di fuga da questo stato di malessere, per urlare a un mondo sordo la propria autoaffermazione, è un loop, un circolo vizioso fatto di vento tra i capelli, minuti contati, sigarette spente e angosce esistenziali che lo riportano inevitabilmente al punto in cui partito.

Parte di questo avvincente e tormentato viaggio è immaginato e ritratto dalla matita sensibile e dall’occhio attento di Fabrizio Gargano, che restituisce dignità e comprensione al parente defunto con una storia a fumetti sui trenta giorni di libertà condizionata e di vita semi-vera di Roberto. Alla stregua del tentativo del protagonista di scappare dalla prigione in cui è detenuto per il reato di malattia mentale, anche la storia del fumettista pontino cerca di svincolarsi dalla gabbia narrativa, usando espedienti grafici in cui balloon e vignette smantellano e destrutturano lo spazio della tavola, mediati da un tratto disturbante e soluzioni stilistiche e prospettiche insuete quanto lo sguardo lucido di un ‘folle’.

Fabrizio Gargano – Classe 1967, pontino, disegna da che ha memoria. Inizia a lavorare in fabbrica fin da giovanissimo, ma continua a dedicarsi al disegno e al fumetto frequentando corsi nel fine settimana. Dopo venticinque anni come impiegato in azienda perde il lavoro e si dedica completamente alla sua passione: raccontare storie illustrate. Frequenta un corso di fumetto con Sergio Algozzino e uno stage in colorazione digitale con Stefano Simeone e dal 2009 pubblica storie, disegni e pensieri sul suo blog NERODICHINA. È sposato e ha due figlie. 30 giorni è il suo libro d’esordio. 

ALT!è un’associazione di promozione sociale con ambizione editoriale, che si propone il donchisciottesco fine di promuovere la diffusione della lettura attraverso l’organizzazione di eventi culturali e la pubblicazione di autoproduzioni. Dal 2014 il catalogo di ALT! ha proposto antologie, fumetti, artbook e sketchbook di autori esordienti e affermati, tra cui Paolo Castaldi, Domenico Gaudino, Mario Lucio Falcone, Vincenzo Viska Federici, Rachele Morris, Marcella Onzo, Pasquale Qualano, Chiara Raimondi e Salvatore Vivenzio.

ORE 19 Foyer Teatro D’Annunzio

IMPROVVISI ROMANTICI

con Tatiana Stankovych (piano) e Francesco Cecchet (contrabasso)

A cura di Silvio Scena

Tatiana StankovychNata a Svalyava (Ucraina) da una famiglia di musicisti. Il padre – cantante lirico, madre – pianista concertista. Ha studiato fin dall’età di 5 anni sotto la guida di sua madre, vincendo diversi premi nazionali in Ucraina. È stata allieva di Tatiana Nikolaeva considerata tra le migliori insegnanti del mondo. Non appena diplomata all’età di 19 anni in Ucraina insegna presso la Scuola Statale di musica di Svalyava (UC) dove affina il metodo di insegnamento russo, considerato uno dei migliori del mondo. 

Nel 2002 si trasferisce a Roma continuando la sua attività di musicista insegnando presso diversi istituti e facendo accompagnamento dei cori, tra i quali: il coro della Scuola Popolare della Musica di Testaccio e quello della Chiesa di San Paolo entro le mura di Roma. Si perfeziona presso l’Accademia musicale di Firenze con la Prof. Valentina Berman. Da allora lavora come maestra di pianoforte presso diversi istituti anche pubblici in Italia. Tuttavia, negli ultimi anni comincia ad interessarsi alle armonie jazz approfondendo la ricerca compositiva sempre tesa ad individuare un modo nuovo per esprimere la sua sensibilità. Intanto, scrive musiche per il teatro, dopo aver maturato anche esperienza nel campo dell’improvvisazione teatrale.

Si è esibita come solista al pianoforte presso importanti sale della capitale come Palazzo Barberini, Castel Sant’Angelo e Museo Nazionale degli strumenti musicali. Dopo aver intensificato la sua attività di compositrice alla ricerca di un proprio stile compositivo, compone un brano come ‘Wordless’. Altro brano che mostra però una maggiore maturità artistica è ‘Tutto scorre’. Nell’ultimo anno ha infine partecipato allo spettacolo sulla comunicazione di massa ’Sentire’ della compagnia teatrale GKO Company nel quale ha composto le musiche ed eseguito l’accompagnamento, questo il link alla colonna sonora. Il 9 giugno 2018 è uscita dopo una ricerca musicale durata ben 15 anni la sua prima raccolta che unisce musica classica e jazz, il CD “Fairy Wave” è realizzato per piano solo in qualità di compositrice ed esecutrice.

ORE 21 Enoteca Bacco e Venere, Via Padre Reginaldo Giuliani 12

“ConosciamOli: a cena con il produttore – Marco Carpineti”

A cura di Floriana Coletta

Cena scandita dal racconto di un produttore. ConosciamOli, è un progetto Oliocentrica nato dalla necessità di far conoscere le storie delle persone che ci sono dietro un prodotto d’eccellenza.
È la volta di Marco Carpineti, titolare dell’omonima azienda agricola biologica situata a Cori. Marco ama in modo passionale e autentico il territorio che lo circonda, e lo racconterà ai commensali con l’aiuto di Gisa Di Nicola di Oliocentrica e Floriana Coletta di Lievito, in una chiave di lettura originale e inedita  Marco Carpineti è titolare dell’ azienda agricola biologica di Cori che porta il suo nome. Sarà presente anche Fabrizio Nardi de “Le Bontà” di Cori, con il prosciutto al vino di Cori di sua produzione, un prosciutto cotto con il vino bellone di Carpineti.

La serata e i vari interventi saranno scanditi dal menu: per antipasto bruschette con olio extra vergine di oliva itrana con pane fresco di Cori e guanciale cotto al bellone; primo piatto: zuppa di pane con legumi e carciofi; secondo piatto: prosciutto cotto al bellone di Carpineti; per dolce una torta di ricotta preparata secondo la ricetta speciale della signora Cinzia della cantina Carpineti.

> Euro 15,00 

> Prenotazione obbligatoria al numero: 328.4129002

rpt
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.








Le Più Lette

LA NOTIZIA PONTINA Registrazione al Tribunale di Latina Nr.2 del 12/02/2018 Direttore responsabile: Daniele Ronci Proprietà: Blues Eventi srls - corso della Repubblica 270 - Cisterna di Latina info: redazione@lanotiziapontina.it

Copyright © 2018 La Notizia Pontina

To Top