LA eventi

Latina – “Calce e fiamma” la deportazione dei Carabinieri con il superstite decorato Mario Ciavaglia

La nuova edizione del libro che racconta la vera storia di Mario Ciavaglia e della drammatica deportazione nazista dei CarabinieriIn occasione del “Giorno della Memoria”, la presentazione sabato alle 11 nel Museo della Terra Pontina. Interverranno Ciavaglia, l’autore Nasi, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. Vitagliano

E’ stato uno dei momenti più drammatici della storia italiana eppure i libri di testo, finora, non gli hanno mai dedicato una riga.Torna, con una nuova edizione aggiornata, “Calce e Fiamma. Storia di deportazione, di fughe e d’amore” di Mauro Nasi.Il libro fa rivivere la vera storia di Mario Ciavaglia, testimone privilegiato degli eventi che cambiarono il corso dell’Italia tra il 1943 e il 1946. Allievo Carabiniere a cavallo, era in caserma durante il primo bombardamento di Roma (19 luglio 1943), di guardia a Villa Badoglio il giorno della caduta del fascismo (25 luglio 1943) e a Villa Savoia la notte in cui il Re Vittorio Emanuele III fuggì da Roma (9 settembre 1943). Ma soprattutto fu tra i Carabinieri che il 7 ottobre 1943, con l’inganno, vennero disarmati, fatti prigionieri e deportati dai nazisti così da poter attuare senza ostacoli il rastrellamento del ghetto ebraico che avvenne una settimana più tardi, il 16 ottobre 1943. La deportazione di tutti i Carabinieri d’Italia, ritenuti dai nazisti “politicamente infidi” ossia inaffidabili per la loro vicinanza al popolo, ha visto la regia del capo della Gestapo di Roma, il colonnello nazista Herbert Kappler. L’assenza dei militari dell’Arma, dunque di una forza armata, strutturata e presente su tutto il territorio nazionale, consenti ai nazisti di perpetrare indisturbati le loro barbarie.Ciavaglia svolse 18 mesi di prigionia nei campi di Klagenfurt e Selzthal lavorando come muratore e minatore, attuando una prima fuga non riuscita e una seconda a capo di un gruppo di 6 prigionieri che, rocambolescamente, gli restituirà la libertà.“Calce e Fiamma” verrà presentato sabato 26 gennaio alle ore 11 presso il Museo della Terra Pontina nell’ambito della rassegna “Il senso della Memoria” organizzato dall’associazione Sintagma con il patrocinio del Comune di Latina.All’incontro parteciperà il protagonista del libro, Mario Ciavaglia, oggi 94enne decorato con la Medaglia d’Onore, l’autore Mauro Nasi, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. Gabriele Vitagliano, il Direttore del Museo della Terra Pontina Manuela Francesconi, il Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Latina Stefano Benedetti, la Docente di Filosofia e Storia Maria Forte.











Le Più Lette

To Top