LA politica

Cisterna – M5S: “Quali brache hanno bisogno di bretelle?”

Salta la riunione dei Capigruppo e i penastellati cisternesi tornano all’attacco sulla pagina Facebook ufficiale del Movimento di Beppe Grillo. “Salta la riunione dei capigruppo indetta dal Presidente del consiglio su richiesta della Lega (Nardi) in funzione del prossimo (al momento presunto) consiglio straordinario con unico punto all’ordine del giorno l’Autostrada Latina-Roma e Bretella Cisterna-Valmontone.
Anche questa volta è mancato il raggiungimento del numero legale dei rappresentanti di maggioranza.
La minoranza ringrazia per l’ennesima manifesta dimostrazione di scollatura della maggioranza su un tema, che almeno a giudicare dalla risonanza mediatica che vorrebbe destare, non sembra poi così sentito dall’amministrazione.
Eccezion fatta della Lega e della minoranza che è sempre presente e ben rappresentata.
Che anche la maggioranza stessa si sia stancata di questa ennesima iniziativa “accalappia consensi” della Lega?
Sul sito del comune campeggia la notizia per la quale Cisterna vuole l’autostrada… a parer nostro, chi la voglia veramente, sono i vecchi partiti, la vecchia politica con le solite mezze verità a sostegno di un opera nata già vecchia ed oggi ancora più anacronistica. Se veramente fosse stata essenziale l’economia nostrana sarebbe già sprofondata nel baratro, tuttavia facendo una veloce ricognizione ciò che sembra ancora mancare sono servizi e non infrastrutture pesanti.
Il problema dell’economia va affrontato in ottica globale mentre qui si sta ancora parlando di divario nord-sud per giustificare opere pubbliche inutili e soprattutto dispendiose a carico dei cittadini. E’ come se avere una autostrada a disposizione facesse aumentare la produzione industriale. Folle, semplicemente folle.
Staremo a vedere cosa accade, il consiglio straordinario si farà, ma a questo punto vediamo se sarà rispettata la data puntualmente fornita ai media in totale autonomia rispetto al corretto modo di lavorare che ci si aspetta da chi amministra l’Ente.
Intanto sul tavolo abbiamo presentato già una mozione contraria alla realizzazione dell’opera. Peccato che nessun partito abbia ancora avuto il buon senso di firmala (per poterla presentare occorrono 5 firme come da regolamento comunale), ma abbiamo un buon riscontro dalle civiche. Per dirla tutta, qui non si tratta di essere d’accordo o meno sull’opera, ma solamente di consentire ad un gruppo consiliare di dire la sua in consiglio ma per il momento tutta questa democrazia è solamente sventagliata ai quattro venti, perché di firmare un atto per discutere democraticamente della cosa in consiglio al momento non se ne parla. Staremo a vedere”.











Ultime Notizie

To Top