Atletico Cisterna

Atletico Cisterna – Pietro Orbisaglia è il nuovo Direttore Sportivo


“Abbiamo una rosa multietnica e qui nel quartiere è molto importante”

PIETRO ORBISAGLIA

L’A.S.D Atletico Cisterna, dopo l’addio dato dal Direttore Sportivo Rizziero Zappaterreni a causa di nuovi impegni lavorativi, ha affidato il ruolo a Pietro Orbisaglia nonché socio fondatore insieme al Fratello Giuseppe Orbisaglia dell’A.S.D. Atletico Cisterna. Quest’oggi lo abbiamo intervistato per capire più da vicino quali siano i compiti fondamentali di un direttore sportivo e quali obiettivi si sta imponendo la società per la stagione 2018-2019.

Il passato di Pietro Orbisaglia in ambito calcistico, da dove è iniziato?

Io come passato calcistico vero e proprio non ne ho avuto, perché da ragazzo ho partecipato sempre a campionato di carte per circa 15 anni, ma mi sono appassionato di calcio la prima volta in cui ho portato mio figlio all’età di 8 anni qui all’A.S.D. Atletico Cisterna, adesso lui ne ha 28 e dopo 20 anni posso dire che qualcosa di calcio ne capisco. Ho iniziato a San Valentino entrando come socio perché era un gruppo di ragazzi che io conosco, alcuni erano amici d’infanzia e mi hanno dato l’opportunità di entrare nella società sportiva e da li siamo cresciuti tantissimo riuscendo ad ottenere categorie importanti, qui abbiamo portato ragazzi a livelli alti come ad esempio la Lazio che è riuscita a visionare 5 dei nostri giocatori i cui nomi sono stati scritti su un foglio, quindi posso dire che nonostante l’essere dei provinciali la Lazio si è accorta di noi così come il Frosinone e il Crotone che negli anni precedenti hanno portato i ragazzi in giro per l’Italia. Poi abbiamo creato un’altra società il cui nome doveva includere “CISTERNA”, allora è venuta in mente la brillante idea di usare il nome Atletico e da lì è diventato A.S.D. Atletico Cisterna una società che è subito riuscita a vincere i campionati. La nostra tifoseria è stata addirittura quella più votata insieme alle tifoserie di Milan, Inter e Juve.

Il ruolo di Direttore Sportivo è una posizione importante all’interno di una società, quali sono i suoi compiti?

Mi hanno nominato Direttore Sportivo un ruolo nuovo ma che in realtà ho sempre fatto da una vita, però avevano assegnato tale mansione a Rizziero Zappaterreni che a causa di nuovi impegni lavorativi è stato costretto ad allontanarsi da questo ruolo rimanendo però presente all’interno della società per darci una mano. Dunque ho preso le redini in mano io per quanto riguarda il ruolo di Direttore Sportivo e i miei compiti principali sono quelli di cercare giocatori e fare le rose più competitive possibili, cercando di fare il meglio sia per l’allenatore che per i ragazzi e ovviamente con il meglio intendo cercare giocatori anche meno bravi ma che sappiano fare gruppo, rispettare le regole ed essere educati dentro e fuori il campo.

Quali sono gli obiettivi e il proseguo del campionato?

L’obiettivo primario partendo dalla prima squadra è quello di mantenere la categoria anche perché ci abbiamo provato l’anno scorso e siamo retrocessi ma siamo stati ripescati facendo i playout. Quindi mantenere la categoria quest’anno è fondamentale provando anche con i settori giovanili come Juniores, Allievi e Giovanissimi di cui quest’ultime sono più pronte per vincere anche il campionato. Discorso a parte invece per la Juniores che quest’anno è retrocessa ma stiamo mettendo un gruppo di ragazzi nuovi, perché alcuni di quelli che hanno perso il titolo sono passati in prima squadra mentre altri sono andati via. Al contempo sono arrivati tanti ragazzi stranieri e questo ci fa onore, abbiamo un ragazzo spagnolo, alcuni del Senegal altri dal Mali quindi abbiamo una rosa multietnica e qui nel quartiere è molto importante visto il momento che sta attraverso l’Italia in fatto di emigrazione, perchè i nostri ragazzi hanno avuto rispetto nei loro confronti e li hanno accolti in squadra con molto entusiasmo. Quindi ci stiamo impegnando per arrivare a prendere categorie importanti.

Quando qualcuno vuole andare via come ci si comporta? Voi in quanto Atletico Cisterna come vi siete comportati nei confronti dei ragazzi intenzionati a voler lasciare la società?

Io ho sempre parlato con i ragazzi e dire loro che con noi si inizia e si finisce. Se il campionato inizia il 30 Settembre il 30 Giugno finisce, poi certo decidono loro cosa fare. Non abbiamo mai tenuto controvoglia ragazzi intenzionati a voler andare via, certo una piccola forzatura la si fa sempre specie se il ragazzo è valido e ha buone qualità perché ci può tornare utile ma solitamente cerchiamo di trovare un accordo con la società che vuole prenderlo anche a livello di scambio e se da loro è presente un giocatore che a noi interessa usiamo sempre la formula del prestito annuale.

Che ragazzi si hanno all’interno delle varie categorie che hanno sposato il progetto dell’Atletico Cisterna?

I ragazzi che abbiamo portato dentro e che parecchi c’erano, ci seguono da anni infatti ci sono ragazzi che stanno qui da noi dal 2007 un esempio è mio figlio Miki Orbisaglia che non ha mai mollato l’Atletico Cisterna anche se gli hanno proposto categorie più importanti ma non ha mai abbandonato questa società, cosi come altri che vivono nel quartiere e hanno sposato il nostro progetto e lo porteranno avanti fino alla fine perché dicono sempre che questa per loro è una seconda casa. Quello che mi ha fatto piacere in tutti questi anni è che alcuni ragazzi che magari hanno problemi familiari si sono sempre sfogati con noi, e una sera in una chiacchierata con loro io e mio fratello nonché Presidente della società Giuseppe Orbisaglia, gli abbiamo detto: << Scusate, ma perché queste cose le raccontate a noi?>> e loro ci hanno risposto: << Perché per noi siete come una seconda famiglia cosa che forse a casa non abbiamo mai avuto>>, sentire queste parole da ragazzi anche minorenni ci fa sempre piacere e ci rende orgogliosi di quello che abbiamo fatto e continuiamo a fare per migliorarci per loro e per tutti quelli che verranno chiedendoci consigli su come muoversi nell’ambito familiare e nella loro vita.

Pietro Orbisaglia

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.








Le Più Lette

LA NOTIZIA PONTINA Registrazione al Tribunale di Latina Nr.2 del 12/02/2018 Direttore responsabile: Daniele Ronci Proprietà: Blues Eventi srls - corso della Repubblica 270 - Cisterna di Latina info: redazione@lanotiziapontina.it

Copyright © 2018 La Notizia Pontina

To Top