LA politica

Cisterna – Partito Democratico: “Ce l’hanno tutti con me” parole e musica di Mauro Carturan

La segreteria locale del Pd, per voce del proprio coordinatore, torna sull’incontro pubblico del sindaco Carturan tenutosi sabato pomeriggio in piazza XIX Marzo. “Il Sindaco annuncia un incontro pubblico – esordisce così il consigliere comunale Andrea Santilli – ai giardini della Città, di sabato sera, sotto la Fontana Biondi, per informarci di cose importanti che noi cittadini dovremmo sapere e che succede? Che non si capisce cosa voleva dire, o meglio con chi ce l’avesse o a chi fosse rivolta questa importante comunicazione.

Sembra rivolta all’amministrazione che non lavora, ai Dirigenti, impiegati, operai; sembra unodell’opposizione, al punto che dice di essersi autodenunciato alla Procura, come chi si oppone a chi amministra male o per niente, ma di cosa si sia denunciato non è dato sapere. Dobbiamo solo scoprire a chi rivolgerci per comprendere questa situazione, magari potremmo cominciare da chi è a capo di questa Amministrazione, cioè sempre lui. Roba da mal di testa.

In un attimo di lucidità, viene in mente anche a Carturan che è lui il Primo Cittadino, e attacca l’opposizione, rea di non aiutarlo, di non suggerire, in parole povere di non fare il lavoro che spetta a lui ed ai suoi. Questa opposizione non sta zitta, ma mette il dito nella piaga e porta alla luce i continui errori che da tre mesi a questa parte sono stati la normale amministrazione di questa Giunta.

“La campagna è finita” ama ripetere, ma oggi con i pieni poteri ed una maggioranza assoluta in Consiglio Comunale, Carturan è ancora in cerca di un nemico da combattere e da mettere alla gogna. E’ il miglior Sindaco per questa Città (così diceva in campagna elettorale): cominciasse ad amministrare. Proclami contro tutti, dirigenti, consiglieri di opposizione, revisori dei conti, leggi troppo restrittive (come per i fuochi della festa).

Ad oggi quello che si è visto è stato un atteggiamento da una parte troppo tronfio della sua persona, e dall’altra di un amministratore che non si aggiorna e non è preparato: dal taglio dell’erba da parte degli amici con i trattori, all’aumento degli stipendi, all’infinita storia del Bilancio (con quattro Consigli Comunali caratterizzati da innumerevoli irregolarità), fino all’ assunzione della Coluzzi come Dirigente più importante del Comune, con incarichi che non poteva detenere secondo la normativa e quindi poi declassata al ruolo per cui è stata regolarmente assunta, cioè di suggeritrice. Ovviamente stipendiata.

Proclami pubblici, videoconferenze, insulti e alzate di voce in Consiglio. A 90 giorni dall’insediamento la noia è nell’aria, la sentono anche i cittadini. Servono risultati in questa città, non nemici da accusare per nascondere la polvere (tanta polvere) sotto il tappeto. Anche il copione dei suoi show da piazza, è ormai una replica di un film che non vuole vedere più nessuno”.











Ultime Notizie

To Top