LA cronaca

Aprilia – Credono che sia un ladro è lo inseguono. Nel pomeriggio l’autopsia sul corpo del marocchino per chiarire le cause della morte

E’ stato affidato questa mattina l’incarico al medico legale che sarà chiamato a chiarire le cause della morte dell’uomo di nazionalità marocchina, deceduto dopo l’incidente stradale avvenuto nella notte tra sabato e domenica lungo via Nettunense, all’altezza della stazione ferroviaria e dopo i colpi ricevuti dai suoi inseguitori, due uomini di 40 anni residenti in via Guardapasso, ora indagati per omicidio preterintenzionale.
Saranno gli esiti dell’autopsia a chiarire se Hady Zaitouni, 43enne con precedenti di polizia, è morto per la violenza dei colpi subiti, per i traumi subiti a seguito dell’incidente stradale o per una concatenazione di cause.
Di sicuro i colpi a mani nude, qualche pugno e qualche calcio, da parte dei due denunciati c’è stato e sono stati proprio loro ad ammetterlo, in lacrime, davanti ai carabinieri, mentre le telecamere presenti all’interno delle attività di Campo di Carne inquadravano solo il momento dell’impatto tra la Megane e il muretto del bar.

Tutto è avvenuto in pochi minuti. Alle 1.45 di sabato i residenti notano l’autovettura imboccare la traversa di via Guardapasso, una strada senza uscita, poi l’auto notando la presenza dei residenti fa retromarcia e va via sgommando. Tanto basta per innescare l’inseguimento. Tre uomini a bordo della Opel Astra allertano i carabinieri poi si danno alla fuga. A chiamare una terza persona, quella non direttamente coinvolta nei fatti. L’auto con targa straniera raggiunge via Nettunense poi il cnducente perde il controllo, impatta il muretto e scappa. Il passeggero non riesce a scappare, scende dall’auto e viene raggiunto dai due quarantenni. Pochi colpi bastano a metterlo a terra. Uno degli aggressori scappa, l’altro resta sul posto e allerta i carabinieri che arrivano in via Nettunense. Gli operatori del 118 non possono fare altro che constatare la morte.
Qualche ora dopo i militari, grazie alle telecamere di videosorveglianza, ricostruiscono l’accaduto e per gli autori scatta la denuncia.











Ultime Notizie

To Top