LA cronaca

Aprilia – Cocaina dal Sud america per il nord pontino: tre arrestati dalla Guardia di finanza di Livorno

Importavano cocaina dal sud America, diretta alle piazze di spaccio dell’area nord pontina. La Guardia di Finanza di Livorno ha arrestato tre persone, C.L di 48 anni, A.B. di 48 anni e P.C. di 53 anni residenti ad Aprilia e a Latina. L’accusa nei loro confronti è di traffico di sostanze stupefacenti e sostituzione di persona, anche mediante la fabbricazione e l’utilizzo di documenti contraffatti.
Una delle tre ordinanze di custodia cautelare è scattata nei confronti di un pregiudicato molto noto per essere fratello di un capo clan di etnia rom che opera nella provincia di Latina e che vanta precedenti per rapina, usura, detenzione di armi, ricettazione.

L’indagine è partita da un maxi sequestro di sostanze stupefacenti da parte dell’Ufficio Dogane di Livorno, 80 chili di cocaina che doveva arrivare ad Aprilia e che sul mercato avrebbe fruttato 19 milioni di euro  dopo essere stata lavorata. L’ingente quantitativo di cocaina proveniente dal Cile, è arrivata in Italia a bordo di un container e nascosta dentro una cisterna di grosse dimensioni, dentro cui erano state ricavate intercapedini dove erano stati nascosti 160 panetti di cocaina purissima di 500 grammi l’uno.  Un espediente che però, almeno in questo caso, non è servito a eludere i controlli. L’anomalia non è sfuggita agli impiegati delle Dogane e l’intervento della Finanza, nell’ambito dell’operazione White Iron, ha permesso di identificare ed arrestare i narco trafficanti.

 











Le Più Lette

To Top