LA politica

Cori – Finalmente soddisfatta la richiesta de “L’altra Città”. Domani Consiglio Comunale contro la chiusura del PPI

“Dal Febbraio scorso con le cinque nostre firme – questa la nota stampa del gruppo consiliare di opposizione composto da Angelo Sorecchi, Germana Silvi, Enrico Della Vecchia, Quintilio Carpineti e Francesco Ducci – ai sensi del Testo Unico Enti Locali e dello Statuto Comunale dopo aver redatto una regolare proposta di Delibera, avevamo formalmente richiesto la convocazione di un Consiglio Comunale Straordinario entro i 20 giorni canonici, per scongiurare la chiusura entro il 2018 del Punto di Primo Intervento di Cori.

Abbiamo avuto un netto diniego dal Sindaco in contraddizione alla più volte dichiarata sua aspirazione di avere a che fare con una opposizione costruttiva.

Comprendiamo come l’intera maggioranza corese fosse intenta più a far fare passerella Elettorale al Presidente e di nuovo Candidato alla Regione Lazio Nicola Zingaretti, che con fare spocchioso ha addirittura promesso un potenziamento del complesso di Cori così come per gli altri 6 presidi della Provincia di Latina.

Ad elezione avvenuta, nulla di tutto ciò anzi, con la complicità del Direttore Generale della ASL  di Latina dottor Casati si assiste alla continuo depauperamento dell’assistenza a Cori ma anche nei Comuni vicini, il tutto aggravato dalle condizioni ”preoccupanti”  in cui versa il Pronto Soccorso di Latina assurto alle cronache nazionali anche per la mancanza di adeguati filtri delle strutture a monte, così come avrebbero potuto fungere i 7 P.P.I. dell’intera Provincia.

Ora, nonostante il notevole ritardo con cui viene convocato il Consiglio Comunale,  non abbiamo più bisogno di promesse ma di fatti concreti che per noi consistono in unica scelta: quella da parte di Zingaretti di revocare il decreto datato 5 luglio 2017, in cui dietro a quella che si definisce riorganizzazione delle rete ospedaliera del Lazio si cela in realtà solo l’ennesimo smembramento e sottrazione dei servizi.

Ci teniamo a ribadire che non arretreremo di un centimetro su questa posizione a differenza del P.D. e dei suoi alleati che troppo spesso, in passato e nel presente, si sono dimostrati accomodanti per motivi strettamente di partito alle scelte locali e localistiche che stanno facendo Zingaretti e Casati.

Grazie all’ausilio dei Consiglieri Regionali della Provincia di Latina, informalmente invitati in Consiglio ma, speriamo presenti al completo, e con l’impegno in particolare di Giuseppe Simeone tra l’altro Presidente della Commissione Sanità della Regione Lazio e dell’altro Consigliere Orlando Tripodi, ce la metteremo tutta affinché siano salvaguardati i diritti della numerosa Comunità di Cori e Giulianello oltre che delle altre Città Pontine interessate dal “nefasto” decreto di chiusura dei rispettivi PPI”.

 

 











Ultime Notizie

To Top