LA politica

Cisterna – Gino Gagliardini, lettera a cuore aperto per la città

“E’ arrivato il momento di dire BASTA! Abbiamo toccato il fondo ormai, Cisterna è stata più sulle cronache dei giornali in questi ultimi mesi che mai in passato, non ultimo il violento attacco alle istituzioni con l’incursione di 2 banditi che hanno compiuto un gesto intimidatorio, a colpi di pistola, verso la macchina di un Maresciallo dei Carabinieri, al quale va la mia più profonda e sentita solidarietà, e che ha scosso fortemente la nostra Città, le nostre coscienze, colpito al cuore di chi pensava o pensa che queste cose a Cisterna non possano accadere, e che invece purtroppo accadono sempre più spesso. Credo che questi siano segnali di un degrado sociale ma anche e soprattutto di un cambiamento devastante della nostra società, che non riesce ad alzare alcun muro verso questa demolente criminalità, e che rischia di diventare incontrollata e incontrollabile, anche a Cisterna purtroppo. E BASTA va detto anche al Governo di una Città che ha scoperto di esser stata ferita nel cuore di quella che dovrebbe essere la casa di tutti i Cittadini, “Operazione Touchdown” viene chiamata, ma il dramma che ha lasciato interdetti ognuno di noi, aldilà di quello che stabiliranno i Giudici, è che ha rappresentato il fallimento di una generazione politica, la mia stessa generazione “anagrafica” che diceva di voler cambiare la Città e che invece non ha pensato ad altro che a gestire i propri interessi, tagliando fuori il dialogo con i cittadini, distruggendo la grande opportunità di poter cambiare radicalmente la nostra Cisterna. Ed è per questo che ho deciso di candidarmi, credevo di aver terminato la mia avventura politica, ma ho sentito la necessità di espormi, di metterci la faccia ancora una volta, perché noi quarantenni o quasi, non possiamo essere ricordati come una generazione che non ha saputo governare o che ha lasciato in mano ad altri le scelte di questa Città, andiamo noi per primi a riprenderci ciò che ci spetta politicamente parlando, facciamo in modo di essere noi a decidere il cambiamento di una città che rischia di tornare indietro nel tempo e di essere legata ancora a vecchi sistemi politici, che non possono avere più spazio in una città che deve necessariamente guardare al futuro con occhi diversi, con positività, far tornare i cittadini a credere nelle istituzioni ed aprire la casa comunale a tutta la cittadinanza, tornare ad essere una comunità unita con la riscoperta delle tradizioni, alla conoscenza della cultura immensa della nostra terra, riportare l’ottimismo e il sorriso nelle persone ed avere uno sguardo verso un cambiamento, quello vero, quello di chi ama Cisterna con tutto il cuore e si pone come argine immediato all’ondata di malessere che invade la nostra città, quello di chi ha deciso che è arrivato il momento di scendere in campo con l’Orgoglio di essere Cisternesi. Per questo faccio un grande in bocca al lupo a tutti i candidati di ogni schieramento, metterci la faccia, esporsi in prima persona dopo tutto quello che è successo significa avere a cuore il bene della propria Città, e tanto coraggio, perché chiunque vinca le elezioni avrà molto da lavorare. Mi batterò inoltre affinché si crei una nuova classe dirigente, che guardi al futuro, fatta di innamorati di Cisterna che abbiano a cuore la propria città, e che per nulla al mondo cercheranno di devastarla come successo in passato. Cisterna si AMA, Cisterna siamo NOI. E per rinascere dobbiamo necessariamente ripartire dalla Scuola, chiederemo aiuto ai Dirigenti, Presidi, Professori e Maestri affinchè ci aiutino a far conoscere alle nuove generazioni il nostro patrimonio artistico e farle crescere facendogli vivere i luoghi di interesse storico e culturale che caratterizzano la nostra città ma che pochi conoscono, facendo crescere i nostri figli con la consapevolezza di vivere in una terra straordinaria e di crescere difendendola, amandola, essendo orgogliosi di appartenere ad una grande ed importante Città. La Storia che traspira in ogni pietra di Cisterna deve diventare materia scolastica, ogni ragazzo di Cisterna deve poter accedere ai siti e conoscere le nostre tradizioni, perché siano essi stessi ad amare la propria terra e per questo non ferirla, e legarsi ad essa potrebbe essere un volano per l’economia del nostro territorio e dare lavoro ai ragazzi che invece sono costretti in molti casi ad abbandonare la città e andare a trovare fortuna in altri lidi. La mia totale condivisione e la mia partecipazione alla realizzazione del programma elettorale che abbiamo condiviso da più di un anno a questa parte, mi ha fatto scegliere Gianluca Del Prete come Candidato Sindaco. Ho scelto lui perché Gianluca incarna tutto quello in cui credo, la sua energia, la sua forza, la sua onestà intellettuale e il suo coraggio, ci stanno accompagnando in questa avventura, e credo davvero che lui, non un novizio della politica, ma uno preparato e con una grande dose di profondo Amore verso Cisterna , vada aiutato a vincere queste elezioni, perché è la figura giusta per governare una Città che deve tornare alla normalità, che ha un bisogno estremo di servizi, e che chiede a gran voce di tornare ad essere LIBERA. Una CISTERNA libera con Gianluca Del Prete Sindaco”.











Le Più Lette

To Top