LA politica

Cisterna, analisi politica di Maria Innamorato

«L’arrivo del commissario Minolfi, alla quale faccio personalmente gli auguri di buon lavoro, chiude definitivamente l’era Della Penna, un’amministrazione che si è distinta per inefficienza e per gravi fenomeni giudiziari che tutti ben conosciamo. Il nostro gruppo politico non ha mai appoggiato l’ex amministrazione. Sin dal giorno delle elezioni abbiamo accettato il risultato che ci vedeva all’opposizione. Abbiamo fatto denunce e segnalato ciò che non andava. Ma non ci siamo limitati a criticare, perché abbiamo fatto proposte, tutte puntualmente respinte. Ci siamo occupati di raccolta rifiuti, proponendo la gestione in house; di diritti civili, con iniziative contro il bullismo e la discriminazione degli omosessuali con il convengo presieduto dalla senatrice Cirinnà; manutenzione delle scuole, dei giardini e delle strade attraverso bandi regionali. Tutte proposte che si potevano realizzare ma che Della Penna ha sempre respinto. Oggi si apre una fase nella quale ciascuno di noi ha il dovere civile di farsi parte attiva del cambiamento per non permettere il ripetersi di amministrazioni che hanno portato al degrado morale e materiale. Il commissario resterà in città solo pochi mesi, quindi potrà fare ben poco. Spetta ai cittadini il compito di far riscattare la città. Il nostro gruppo è pronto ad accogliere le idee e il contributo di tutti coloro che abbiano un’affinità con i nostri ideali e vogliano restituire il vero senso alle parole di legalità, onestà e trasparenza».











Le Più Lette

To Top